menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un segmento dell'installazione (Foto Facebook)

Un segmento dell'installazione (Foto Facebook)

Viale Masini, i Pro-vita contro l'installazione femminista: 'Quei manifesti? Oltre la decenza'

Il popolo della famiglia chiede al Comune di sostituire un'installazione artistica del Festival contro la violenza sulle donne 'Taci, anzi parla' con materiale a favore del Familiy Day

Il Popolo della famiglia se la prende con l'installazione artistica. Il movimento pro-vita di Bologna attacca i manifesti affissi sul muro della autostazione di Viale Masini, sui quali è installata un'opera dell'artista Miss Me, dai chiari contenuti femministi, e realizzata con la collaborazione di Cheap nell'ambito del festival della Violenza Illustrata 'Taci, anzi parla'.

Cosa che non è piacuta affatto alle realtà che animano il Family Day, che in un comunicato chiede al Comune di Bologna (che ha in gestione gli spazi di affissione, ndr) non solo di rimuovere l'installazione, ma addirittura di sostituirla con manifesti Pro-life.

"Si vedono donne col passamontagna in testa a richiamare i terribili anni di piombo, parti intime femminili in bella vista, il tutto su uno sfondo rosso che richiama il sangue" tuona il Popolo della famiglia in una nota, aggiungendo che "nulla vieta, ci mancherebbe, alla libertà di pensiero e di espressione artistica da parte di tutti, anche delle associazioni femministe, con la accortezza però di non travalicare il decoro e la pubblica decenza con immagini e slogan di esplicita volgarità".

La formazione ultracattolica chiede infine all’amministrazione comunale "di sostituire l’allestimento artistico attuale con i manifesti Pro Vita e Generazione famiglia" perché "la libertà di espressione e artistica non deve offendere in ogni caso la sensibilità morale e religiosa dei cittadini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Superenalotto, la dea bendata bacia Vergato: centrato un '5'

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento