menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova sede Labas, bandiera contro la Polizia: 'Rimuovetela'

La segnalazione arriva dalla mamma di un alunno delle scuole Zamboni/G.Reni: 'Credo nell'inclusione, ci sono bambini che hanno i genitori nelle forze dell’ordine'

"Continuo a non amare la Polizia". Suona più o meno così la scritta sulla bandiera appesa nella nuova sede del collettivo Labas, che ha traslocato in vicolo Bolognetti, dopo lo sgombero di agosto alla ex caserma Masini di via Orfeo.

La segnalazione arriva dalla mamma di un alunno delle scuole Zamboni/G.Reni, che hanno sede poprio nella via, accanto al quartiere, e che ha inviato una lettera aperta al collettivo e all'assessore alla cultura Matteo Lepore: "Chiedo il vostro aiuto perché venga rimossa al più presto questa bandiera comparsa da qualche giorno nel quadriportico di vicolo Bolognetti" si legge nell amissiva "anch’io come voi credo nell’Inclusione" ma "ci sono bambini  che hanno i genitori nelle forze dell’ordine".

Nella lettera si richiama il rispetto per i lavoratori: "Ci sono genitori nelle scuole che vengono a prendere i loro figli dopo il loro turno nelle forze dell’ordine", la non discriminazione: "Come Labas avete accolto la scorta che accompagnava Sandro Ruotolo ad un incontro sulla mafia qualche tempo fa" e con un no al fascismo viene cottolineato che "in questi giorni in via Stresa a Roma, sulla lapide commemorativa di Aldo Moro sono comparse le scritte morte alle guardie accompagnate dalle svastiche". 

"Proprio perché come voi credo nei valori di inclusione, accoglienza, sostegno ai lavoratori, lotta alla discrimiazione e antifascismo vi chiedo che la scritta #stillnotlovingpolice venga immediatamente tolta dall’ingresso delle scuole". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento