Cronaca Via Toscana

Villa Mazzacorati, la gestione torna al Comune. Lepore: "Investiremo in progetti per la comunità"

Si era anche sparsa la notizia "che un magnate arabo volesse comprarla"

"Il Comune di Bologna si riprende in gestione porzioni storiche di Villa Mazzacorati, compreso il Teatrino, la ex casa del custode e il parco settecentesco". Lo rende noto l'assessore alla cultura, Matteo Lepore: "Abbiamo firmato e approvato la convenzione con la Regione Emilia-Romagna proprietaria della Villa. Insieme investiremo in progetti per la comunità".

"Quando scelsi di dedicarmi all'impegno politico per Bologna - racconta Lepore - decisi di partire dal mio quartiere e la prima battaglia in cui mi impegnai fu per Villa Aldrovandi Mazzacorati. Si era sparsa la notizia che un magnate arabo volesse comprarla e che la Giunta Guazzaloca fosse in procinto di venderla".

Villa Aldrovandi Mazzacorati, 4 curiosità sulla nobile dimora di periferia 

Parti dunque la raccolta firme (10mila): "Fu così che il bellissimo giardino e tutto l'immobile rimasero un bene pubblico, pochi anni dopo acquisito dalla Regione. Sono passati quasi sedici anni e oggi ho una bella notizia da dare. Abbiamo firmato e approvato la convenzione con la Regione Emilia-Romagna proprietaria della Villa. Insieme investiremo in progetti per la comunità". 

L'assessore è grato al progetto proposto dal Quartiere Savena, in collaborazione con le associazioni e i cittadini, potremo nei prossimi mesi iniziare a metterci al lavoro. Potremo rimettere in uso l'ex semenzaio e ristrutturare lo storico Teatro, una delle perle nascoste della nostra città. Dovremo riparare i sentieri e le scale per risolvere i problemi di accessibilità.  Grazie alla presidente del Quartiere Marzia Benassi e al Direttore Dino Cocchianella, alla Regione Emilia-Romagna. Andiamo avanti!" conclude Lepore. 

Un po' di storia

Villa Aldrovandi Mazzacorati è un edificio storico del XVII secolo. Dopo esser stata acquisita da Annibale Marescotti, verso la fine del ‘600 la dimora con giardino passò alla famiglia Aldrovandi che vi realizzò vari interventi di restauro. Alla fine del ’700 la villa divenne proprietà dei marchesi Mazzacorati. Allo stesso periodo risale, inoltre, l’aspetto definitivo della villa, di stile neoclassico, su progetto di Francesco Tadolini. La villa è nota per il teatro ospitato al suo interno, inaugurato nel 1763 e unico esempio di teatro privato suburbano a noi pervenuto nel bolognese. All'interno della villa è ha sede anche il Museo Storico del Soldatino "Mario Massacesi" e un Poliambulatorio del Servizio Sanitario Regionale. (fonte: Bologna Welcome)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Mazzacorati, la gestione torna al Comune. Lepore: "Investiremo in progetti per la comunità"

BolognaToday è in caricamento