menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pazienti Covid trasferiti dagli ospedali a Villa Ranuzzi: "Abbiamo due reparti dedicati e ingressi diversi per azzerare i rischi"

Il direttore della struttura che ha riconvertito per covid due interi reparti spiega: "Per noi è un riconoscimento. Abbiamo i requisiti strutturali e tecnologici, tutti gli strumenti adeguati e alto tasso di sicurezza"

Sono 60 i posti letto a bassa intensità che la casa residenza anziani Villa Ranuzzi mette a disposizione dei malati Covid. La Cra, è stata valutata come la struttura più adeguata del territorio metropolitano per accogliere i pazienti che evidentemente non riescono ad entrare o a restare nei nostri ospedali.

"Siamo stati scelti da Ausl perchè abbiamo tutti i requisiti, sia strutturali che tecnologici, per poter ricevere questi trasferimenti in piena sicurezza e contiamo che questo avvenga già la prossima settimana - spiega il dott. Averardo Orta, direttore della struttura di via Casteldebole nonchè presidente provinciale AIOP Bologna - mentre stiamo già potenziando l'organico e le apparecchiature che ci arricchiranno anche nel post pandemia. Naturalmente che la scelta sia caduta su di noi da un lato vale come riconoscimento di cui siamo ben orgogliosi". 

Prendendosi carico di questi sessanta pazienti la sua Cra alleggerirà le strutture pubbliche. Anche il privato è saturo? Da dove arriveranno i malati? 

"L'azienda sanitaria evidentemente sta agendo in previsione di una terza ondata di Coronavirus e a favore della ripresa di tutte le attività ordinarie dei nosocomi della provincia, garantendo l'assistenza adeguata a chi ha bisogno di cure. Da presidente AIOP (Associazione italiana ospedalità privata) posso confermare che sì, anche il privato è saturo e che quindi il sociosanitario diventa una risorsa. Non sappiamo da dove arriveranno, verrà deciso dall'azienda Ausl". 

L'edificio si presta a tenere separati gli ospiti dai reparti Covid? Quanti saranno? Quanti posti letto avete in totale?

"La nostra struttura sociosanitaria ha in effetti le caratteristiche edilizie adeguate e daremo disponibilità di due dei nostri reparti con ingressi separati Covid e non-Covid e senza locali promiscui, in modo che non ci siano rischi di trasmissione. Nel complesso abbiamo 241 posti letto e dunque 60 di questi verranno trasformati temporaneamente". 

Un messaggio per i familiari degli ospiti di Villa Ranuzzi che potrebbero preoccuparsi? 

"Come dicevo, il fatto che abbiano scelto noi, ci riconosce delle competenze importanti che sono a disposizione dei nostri ospiti. Non corriamo alcun rischio". 

Averardo Orta-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

SuperEnalotto, la fortuna bacia Bologna: centrato un '5'

Salute

Covid19, vaccini dal medico di base: quello che c'è da sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • WeekEnd

    I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Attualità

    Imola, McDonald’s e Fondazione Ronald McDonald donano pasti gratis

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento