rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

Vincent si uccise su TikTok, il padre presenta esposto in Procura

Il padre del 23enne: "È stata istigazione al suicidio"

QUI PER ISCRIVERSI AL CANALE WHATSAPP DI BOLOGNATODAY

Vincent Plicchi tolse la vita lo scorso 11 ottobre in diretta su Tiktok, dove era conosciuto come Inquistor Ghost, dopo aver ricevuto insulti e commenti negativi da alcuni utenti della piattaforma, tra cui false accuse di pedofilia. Oggi, 20 maggio, suo padre ha annunciato che presenterà un esposto in Procura per istigazione al suicidio.

Lo ha dichiarato durante l’inaugurazione di un murale contro il cyberbullismo, dedicato al 23 e realizzato sul muro delle scuole Pepoli di Bologna. “Tra oggi e domani mattina lo presenteremo - spiega Matteo Plicchi all'agenzia Dire -. Ho completato le indagini private che ho svolto perché inizialmente non c'era e non c'è stato nessun tipo di indagine". La valutazione, "concordata con il nostro legale (Daniele Benfenati, ndr), è assolutamente confermata: che ci sia stata una grandissima istigazione al suicidio".

Tiktoker morto suicida, ora gli haters chiedono perdono

A riprova di questo ci sono "i messaggi di Vincent che lo confermano", insieme a "minacce di morte anche dall'Italia". Il materiale raccolto è "moltissimo e adesso la Procura valuterà". Ma Plicchi è determinato. "Bisogna dare un segnale, bisogna che sia fatta giustizia, perché gli attori principali di questa congiura hanno confessato: se lo hanno fatto, perché non interviene nessuno? Quindi bisogna mettere fine a queste cose, perché se no chiunque abbia cattive intenzioni continuerà a usare il web gratuitamente. Lo scorso aprile il giudice del tribunale civile di Bologna aveva rigettato il ricorso presentato in via d’urgenza dallo stesso padre per accedere alle chat del profilo del figlio e cercare di capire cosa possa averlo spinto al suicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vincent si uccise su TikTok, il padre presenta esposto in Procura

BolognaToday è in caricamento