menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani nelle case di riposo, la Regione: "Situazione migliorata, visite dei parenti riprendano in sicurezza"

Così l'assessore Donini acogliendo di fatto una richiesta del leghista Michele Facci, che obietta: "Le strutture non presentano i piani per le riaperture"

La Regione Emilia-Romagna chiede alle case di riposo per anziani di lavorare per riaprire le porte alle visite dei parenti. La questione è stata posta oggi in assemblea legislativa a Viale Aldo Moro, il 'parlamentino' regionale.

A chiedere lumi alla Giunta è stato il leghista Michele Facci, obiettando come le strutture per anziani "non rendono disponibili i piani per le visite alla Regione", nonostante l'ente di viale Aldo Moro avesse dato indicazione di predisporli in linea con le circolari del ministero. "Siamo in grave ritardo -critica Facci- non può essere tutto delegato ai singoli gestori. La Regione deve avere il controllo, deve pretendere i piani".

Covid e vaccini, Viale del Sant'Orsola: "Fragili e anziani ormai immunizzati, giusto riaprire"

Nella risposta è intervenuto l'assessore regionale Raffaele Donini, accogliendo di fatti il rilievo e annunciando di convocare "subito un tavolo con tutti i gestori per sincerarmi del fatto che le visite dei familiari possano riprendere in sicurezza". Oggi, del resto, "la situazione è diversa dai mesi scorsi, anche perchè operatori e ospiti sono quasi tutti vaccinati -sottolinea l'assessore- i gestori sono stati sollecitati più volte ad adottare i piani visite e abbiamo fornito anche disponibilità dei tamponi rapidi" per facilitarle.

Donini ricorda però che spetta alle singole strutture applicare le indicazioni della Regione ("Sono loro i responsabili", ricorda l'assessore), mentre è compito delle aziende sanitarie vigilare. "Per la circolazione massiva del virus nella terza ondata -aggiunge Donini- quelle indicazioni sono state superate dall'emergenza pandemica. Oggi però la situazione è più gestibile, anche se dobbiamo stare attenti all'evoluzione dei casi. Inoltre andiamo verso la bella stagione, quindi ci si può incontrare all'aperto. Da parte nostra, resta la disponibilità a fornire i tamponi rapidi", promette l'assessore.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento