Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Sanità, esami e visite specialiste più care: al via nuove tariffe

Aggiornamento delle tariffe per alcune prestazioni specialistiche ambulatoriali dal 1° febbraio. Aumenti da 0,05 a 7,16 euro, riguardano soprattutto alcune branche come radiologia, laboratorio, fisioterapia

Da 0,05 euro a 7,16 euro, a seconda del tipo di esame. Questi i rincari medi che dal 1° febbraio entreranno a in vigore sulle tariffe per alcune prestazioni specialistiche ambulatoriali: "Un’operazione - sottolinea la regione - che riguarda esclusivamente i cittadini non esenti dal ticket e le prestazioni a basso costo". E in risposta alle associazioni, che difronte all'annuncio degli aumenti sono saltate sul piede di guerra, l'amministrazione regionale si difende: "In Emilia Romagna  tariffe più basse rispetto alle altre Regioni".

L’aggiornamento delle tariffe modifica l’importo del ticket solo per quelle prescrizioni in cui la somma del valore di ciascun esame (tariffa totale) sia inferiore al ticket massimo di 36,15 euro previsto per ricetta di prescrizione.
Gli interventi hanno riguardato soprattuttoalcune branche specialistiche: radiologia, laboratorio, fisioterapia.

L’aumento per i cittadini non esenti, e solo per prescrizioni con tariffa totale inferiore a 36,15 euro, va da 0,05 euro per la prestazione “risoluzione di aderenze articolari” a 7,16 euro per la prestazione “rimozione di corpo estraneo dall’uretra”.
"Tenuto conto, inoltre, che il ricorso alla specialistica ambulatoriale da parte dei cittadini non esenti, e quindi non affetti da patologia cronica o esenti per reddito, è occasionale, l’impatto può essere considerato trascurabile", così si giustifica ancora la Regione.
In particolare, per radiologia ed ecografie, ci sono incrementi da 0,50 euro a 6,50 euro; per il laboratorio da0,05 euro a 5,34 euro per prestazione di biologia molecolare; per la fisioterapia da 0,05 euro a 1 euro. Il ticket di 46,15 euro è stato determinato per le sole prestazioni complesse di chirurgia ambulatoriale analoghe alle prestazioni di trattamento della cataratta e di liberazione del tunnel carpale, per le quali era già vigente la quota ticket di 46,15 euro in seguito alla manovra dell’agosto scorso. Si tratta di prestazioni quali liberazione di tunnel tarsale, riparazione di dito a martello, artroplastica di piccole articolazioni, litotripsia extracorporea del rene, che hanno tariffe con valori da 1.800 a 400 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, esami e visite specialiste più care: al via nuove tariffe
BolognaToday è in caricamento