rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

WEP, World Education Program arriva a Bologna

L’organizzazione internazionale, che da venti anni promuove  viaggi all’estero per ragazzi, apre una sede nel capoluogo emiliano

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

L’organizzazione internazionale, che da venti anni promuove  viaggi all’estero per ragazzi,
apre una sede nel capoluogo emiliano

Essere giovani oggi è una sfida forse più difficile rispetto al passato. Vivere un periodo all’estero, che sia un anno di liceo, uno stage in azienda o un corso di lingua, è un’esperienza che può cambiare molto, permettendo di affrontare con più sicurezza il mondo del lavoro e la vita di tutti i giorni. Per questo le nuove generazioni sempre più spesso decidono di partire, non solo per apprendere una seconda lingua, ma anche per estendere la propria rete di contatti, per imparare a gestire le proprie finanze e per potenziare le proprie risorse.

Il team della WEP, che in Italia ha sedi a Torino, Milano, Oderzo, Roma e adesso Bologna, da venti anni aiuta i ragazzi ad internazionalizzare la propria formazione, promuovendo scambi linguistici, educativi e culturali nei paesi di tutto il mondo. Fra i suoi programmi ha inserito differenti tipologie di viaggio, così che i giovani, in ogni momento del loro percorso, possano trovare l’esperienza più adatta alle loro esigenze. Si può scegliere, infatti, l’High School Program, pensato per gli studenti delle superiori che vogliono frequentare una scuola straniera da tre a dodici mesi, lo stage in azienda, per arricchire il proprio curriculum con un periodo lavorativo all’estero, fino al corso post-diploma, che permette di vivere in un college straniero da sei a ventiquattro mesi. Ma si può intraprendere anche un viaggio solidale, un corso di lingua, una full immersion in famiglia o il giro del mondo.

Quest’anno sono oltre 3500 i ragazzi in tutta Italia che, fra settembre e gennaio, hanno deciso di partire per la loro prima esperienza all’estero con i programmi proposti da WEP. Di questi, circa 100 sono gli emiliani che hanno aderito all’High School Program. Anche per questo, la scelta per la nuova sede è caduta su Bologna, dove da qualche settimana è stato aperto un nuovo ufficio in centro città, in via Zamboni 7.

Beatrice, diciannovenne proprio di Bologna, descrive così il suo viaggio solidale nella riserva naturale di Kwantu: “La mia giornata si articolava in maniera molto diversa rispetto ad una comune vacanza all’estero. L’aspetto più divertente era  sperimentare tanti compiti diversi, insoliti e mai monotoni. Il momento che più mi ha colpito è stato quando abbiamo portato il pranzo ad un piccolo villaggio molto povero, poco distante dalla nostra riserva. La prima cosa che ho notato sono state le case in cui vivevano queste persone, fatte delle stesse lamiere con cui avevamo costruito la casa per le tigri nella riserva.” Andrea, diciottenne di Firenze, che invece ha concluso lo scorso luglio il suo anno in California, racconta così il suo viaggio: “Vivere a Menlo Park è stata una delle esperienze migliori che mi siano capitate finora, qui ho trascorso i mesi più belli della mia vita! La scuola è divertente e io, personalmente, mi sono trovato benissimo.”

WEP, World Education Program, è un'organizzazione internazionale al servizio dei giovani, che segue ogni anno oltre 3500 ragazzi in partenza dall’Italia verso 65 Paesi e in arrivo nella nostra penisola da tutto il mondo. I suoi programmi comprendono: soggiorni di gruppi scolastici durante l'anno (stage linguistici) o durante l'estate (vacanze-studio); corsi di lingua all’estero; programmi di lavoro, stage e volontariato all’estero; i programmi “High School” per i ragazzi delle superiori per trascorrere un trimestre, un semestre o un anno scolastico all’estero.

Per informazioni:

tel. 011/6680902

mail: informazioni@wep.org  

www.wep-italia.org

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

WEP, World Education Program arriva a Bologna

BolognaToday è in caricamento