menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

West Nile, morte due donne ricoverate al Maggiore

Attualmente sono ricoverate 4 persone presso il Sant'Orsola e 6 negli ospedali dell’Azienda USL di Bologna

Due anziane ricoverate presso la Rianimazione dell’Ospedale Maggiore sono decedute nel corso del fine settimana appena concluso. Lo rende noto Ausl Bologna.

Soffrivano di gravi patologie già in atto, alle quali si è sovrapposta l’infezione da West Nile. Dall’inizio del 2018 sono 46 le persone che hanno contratto il virus della West Nile, segnalate al Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Azienda USL di Bologna. A queste si aggiungono 6 donatori di sangue nei quali è stata riscontrata la presenza del virus, ma senza presentare i sintomi della malattia. 

Attualmente, a Bologna e provincia, sono ricoverate 4 persone presso il Policlinico di S. Orsola e 6 negli ospedali dell’Azienda USL di Bologna. La situazione è costantemente monitorata dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda USL di Bologna.

E proprio della settimana scorsa l'appello degli infettivologi della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali perchè si metta in atto una nuova strategia di lotta contro gli insetti vettori di infezioni trasmesse all’uomo.

La febbre da West Nile cos'è

Viene trasmessa dalla zanzara comune notturna (Culex pipiens) che punge nelle ore comprese tra il tramonto e l’alba, non è una malattia mortale. Nella maggior parte dei casi i sintomi scompaiono da soli dopo qualche giorno o settimana. Nei casi più gravi è necessario, invece, il ricovero in ospedale. Le situazioni più gravi si verificano quando, come nei due casi avvenuti a Bologna, la persona colpita da West Nile versa già in uno stato di deperimento fisico causato da altre patologie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento