Bolognina, scritte contro Salvini, la replica: 'Ministro faccia meno propaganda'

La polemica all'indomani dello sgombero del centro sociale Xm24

"Salvini appeso, il sogno è ancora acceso". Una scritta fa arrabbiare il ministro dell'Interno, che ha postato sui suoi social un video che la ritrae. "Scritta comparsa nel quartiere di Bologna dove ieri è stato sgomberato il centro sociale Xm24, al quale il Pd, facendo marcia indietro, ha peraltro promesso una nuova sistemazione in altri locali.. Noi andiamo avanti, se pensano che queste minacce mi intimidiscano hanno sbagliato persona", recita il post del leader della Lega.

Sgombero XM24, attivisti esultano: "Restiamo in Bolognina" | VIDEO

A stretto giro arriva la replica di Serse Soverini deputato eletto con Italia in comune. "La scritta è riprovevole". Ma, sottolinea il parlamentare "è anche un episodio di inciviltà politica che colpisce non solo il vice-premier ma riguarda tanti rappresentanti delle istituzioni". Di qui l'affondo di Soverini: "Siamo sinceri: è puerile e ridicola l'esasperazione di questa scritta a problema nazionale e a simbolo di una persecuzione della quale il ministro dell'Interno sarebbe vittima". In questo modo il leader della Lega, secondo Soverini "punta solo a favorire un clima di tensione, ad uso propagandistico. Un ministro dell'Interno 'serio' in questi casi, se veramente ritenesse questa scritta una minaccia reale, deve indagare senza proclami e finti allarmi". (Bil/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • Furto nella notte: ricco bottino dei ladri nell'azienda in fallimento

Torna su
BolognaToday è in caricamento