menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convegno annullato a Giurisprudenza, Azione universitaria: 'Chi segue le regole viene penalizzato'

"E' un fatto gravissimo che la facoltà sia stata chiusa, sul bando c'era scritto esattamente ciò che avremmo fatto". Severe condanne sull'operato della Facoltà arrivano anche da Bignami (FI) e borgonzoni (Lega Nord)

Alla fine di una mattinata di proteste da parte dei collettivi, la direzione dell'ateneo ha deciso di annullare il convegno sul conflitto siriano in programma per oggi alle 17 presso la Sala Armi di Palazzo Malvezzi, sede di Giurisprudenza. Non solo, la facoltà è stata chiusa a partire dalle 14 per motivi di ordine pubblico.

"Chi rispetta le procedure viene penalizzato" ha detto Dalila Ansalone di Azione Universitaria "abbiamo vinto un bando, siamo una realtà studentesca riconosciuta dall'Alma Mater, ma chi è prepotente vince, occupando gli spazi".

Per Dalila, studentessa di Scienze Politiche "è un fatto gravissimo che la facoltà sia stata chiusa, non siamo neanche liberi di fare lezione e - aggiunge - la preside ha detto di sentirsi ingannata - ma - sul bando c'era scritto e22308721_1975181642760003_4755557430589396813_n-2sattamente ciò che avremmo fatto, l'università quindi non solo non ci aiuta ma ci viene contro, volevamo fare il punto sul conflitto siriano, abbiamo chiamato degli esperti, non stiamo dall'una o dall'altra parte, è una sconfitta ingiusta, conclude". 

Intanto quanto accaduto scuote anche il centrodestra politico. Non usa mezzi termini il forzista Galeazzo Bignami: "Quest’oggi i vertici della facoltà di giurisprudenza, intimiditi da quattro balordi violenti ed estremisti, hanno revocato un’Aula regolarmente autorizzata".

"Si tratta -riprende- di un fatto estremamente grave, che dimostra come Bologna e l’Università siano ostaggio di una banda di cialtroni coccolati dalle istituzioni più preoccupate di non fare arrabbiare i loro cucciolotti ammaestrati piuttosto che garantire la legalità, il confronto democratico, il dialogo".

Da Bignami arriva "solidarietà ai giovani di Azione Universitaria" mentre per i vertici universitari non si risparmiano critiche severe,  accusate di avere legittimato quanto accaduto e di non aver saputo trovare alternative.

Ad alzo zero anche le condanne di Lucia Borgonzoni che parla "un atto antidemocratico a danno della libertà d'espressione" per colpa del "continuo lassismo e delle continue retromarce fatte nei confronti di queste realtà", e chiedendo che "il Rettore e il Sindaco, prendano, una volta per tutte, una posizione netta ed esemplare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento