menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza in Zona U: i consiglieri comunali in 'tour' nelle vie della movida

Una commissione consiliare atipica quella che si è tenuta ieri sera in zona universitaria per toccare con mano i problemi legati alla sicurezza e alla criminalità

Una commissione consiliare atipica quella che si è tenuta ieri sera in zona universitaria, nelle vie della 'movida' del fine settimana. L'iniziativa, prevista per la serata del 15 ottobre, poi rinviata a causa del maltempo, ha portato 'in strada' i membri della commissione consiliare Affari generali e istituzionali del Comune di Bologna e presieduta dalla leghista Lucia Borgonzoni, con l'obiettivo di approfondire i problemi legati alla sicurezza della zona.

Partiti da Palazzo D'Accursio alle 22.45, hanno raggiunto via Zamboni e Piazza Verdi, per poi percorrere via del Guasto, via Belle Arti, via Castagnoli, via Petroni, con arrivo in Piazza Aldrovandi, accompagnati dai rappresentati dei comitati, da alcuni esercenti e cittadini residenti della zona e da agenti della Digos. 

"Gli interventi nella zona sono 8-10 ogni sera - ha detto un ispettore della Polizia Municipale - lavoriamo in modo congiunto alle altre forze di polizia, ma facciamo anche interventi di iniziativa". 

"Abbiamo aperto le Stanze di Verdi come presidio e nuovo servizio per l'igiene e l'informazione culturale, con grande fatica - ha detto Otello Ciavatti del Comitato Piazza Verdi - solo oggi ci hanno offerto di acquistare numerose bici rubate e bevande". (GUARDA IL VIDEO)

Oltre a Lucia Borgonzoni, anche i leghisti Umberto Bosco e Paola Francesca Scarano, i forzisti Marco Lisei e Francesco Sassone, il 5 Stelle Massimo Bugani, Manes Bernardini e Giulio Venturi di 'Insieme Bologna', e un nutrito gruppo PD: Giulia Di Girolamo, Francesco Errani, Nicola De Filippo, Roberto Fattori, Simona Lembi, Elena Leti, Claudio Mazzanti e Raffaele Persiano, oltre alla presidente del quartiere Rosa Amorevole. Unica formazione assente 'Coalizione Civica' che ha declinato l'invito. 

"Gente drogata ovunque, bisogna chiedere permesso o scavalcarla per entrare in casa - ha detto Paola Greti, residente di via del Guasto - nel giardino, oltre allo spaccio, c'è un vero e proprio bivacco e questo non accade solo a notte fonda, ma anche alle 22". Con la collaborazione dei residenti di via del Guasto "Sto raccogliendo le proposte e le problematiche, si sta lavorando affinché si possa migliorare il giardino", oltre al muro e la scala, ha detto la presidente Amorevole. 

Non va meglio per gli esercenti: "Negli ultimi mesi abbiamo avuto segnali preoccupanti a livello di sicurezza, droga e criminalità - ha detto Massimo Zucchini presidente di Confesercenti e co-gestore di un pub in centro - c'è bisogno di un intervento altrimenti diventa area di nessuno". 

"Mi sono più volte permesso di criticare le macchine delle forze dell'ordine ferme - ha detto Claudio Mazzanti, capogruppo dem in comune - devono girare" e "stangare, in questo modo le ordinanze servono". 

"In piazza vetro ovunque, si compra dagli abusivi senza nessun tipo di controllo, anche nelle vie dietro via Petroni si può comprare di tutto - ha concluso Lucia Borgonzoni - son oconvinta che l'ordinanza sugli orari vada tolta, perchè peggio, quando chiudono i locali rimangono in giro solo gli abusivi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento