Cronaca Zona Universitaria

Ancora baccano, casse e bonghi in zona U e Piazza San Francesco: denunce e sequestri

Diversi equipaggi, tra cui personale della Polizia Amministrativa e del Commissariato “Due Torri San Francesco”, una squadra del Reparto Mobile e due equipaggi della Polizia Locale impegnati nei controlli 

Foto archivio

La Polizia ha sequestrato due casse acustiche e un bongo, oltre a sanzionare 16 persone. E' accaduto nella serata di ieri, quando diversi equipaggi, tra cui personale della Polizia Amministrativa e del Commissariato “Due Torri San Francesco”, una squadra del Reparto Mobile e due equipaggi della Polizia Locale, sono stati impiegati nei controlli nella zona universitaria, coordinati dalla Questura, dopo le numerose denunce dei residenti. 

Movida nella zona universitaria, Amorevole: "Il momento è delicato. Ci vuole una presa di posizione netta"

"Sono stati individuati numerosi assembramenti in Piazza Verdi e Piazza Aldrovandi ", fa sapere la Questura e, in alcuni casi, anche con musica, casse acustiche o strumenti musicali. Intorno alle ore 23.00 gli equipaggi si sono dirette in Largo Respighi, dove  sono stati identificati quattro giovani che ascoltavano musica a tutto volume da una cassa acustica, denunciati in stato di libertà per disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone una di loro, cittadina rumena del 2000, che risultava essere la proprietaria del dispositivo elettronico, che veniva sequestrato penalmente.

Tutti e quattro i soggetti, evidentemente ubriachi, sono stati sanzionati per manifesta ubriachezza e per la violazione della normativa anti covid.

Successivamente, in via Petroni gli agenti hanno individuato un cittadino senegalese di 23 anni, che poco prima aveva suonato
ripetutamente un bongo in Piazza Verdi. E' stato denunciato in stato di libertà sempre per disturbo della quiete pubblica e sanzionato per violazione della normativa anti covid. Infine, sempre in via Petroni, gli equipaggi hanno denunciato un  altro giovane, spagnolo di 29 anni, del 1992, che diffondeva musica ad alto volume una cassa acustica bluetooth. 

Nell’ambito dello stesso servizio altre sei persone sono state controllate e sanzionate per la violazione della normativa covid. "Il servizio di ieri sera si inserisce nell’ambito dei controlli che vengono effettuati costantemente nell’ambito del centro storico e che, hanno condotto, nella sola serata di giovedì al controllo di circa trenta persone" informa la Questura. 

Anche i Carabinieri del Comando Provinciale di Bologna in campo a Bologna e a Imola. Hanno identificato 766 persone, controllato 573 veicoli, 62 esercizi pubblici e sanzionato 45 persone, quasi tutte per aver violato la normativa di riferimento che vieta gli assembramenti di persone come accaduto a Imola, dove una ventina di Carabinieri della Compagnia hanno sanzionato 38 giovani, sulla ventina.

La cliente di un bar ha esagerato col suo atteggiamento oltraggioso ed è stata denunciata, mentre due persone ubriache che stavano importunando i passanti del centro cittadino, sono stati sanzionati per ubriachezza molesta.

A Bologna, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno sanzionato 7 persone per aver violato la normativa anti Covid-19 sugli spostamenti notturni. Hanno inoltre allontanato  i “suonatori di bonghi” da Piazza San Francesco. 

Foto archivio

Zona universitaria, Clancy rilancia il 'sindaco della notte'

Movida in piazza Verdi, i residenti: "Siamo stufi e sfiduciati, si faccia qualcosa" | VIDEO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora baccano, casse e bonghi in zona U e Piazza San Francesco: denunce e sequestri

BolognaToday è in caricamento