Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Zona Universitaria / Largo Respighi

Zona U, giovani e lavoro: 'Noi schizzinosi? Io lavorerei anche per 600 euro al mese"

Un rapido confronto con alcuni giovani e studenti in zona universitaria restituisce un quadro diverso da quello dipinto nei giorni scorsi, dopo il caso del ristoratore di Castel San Pietro Terme che non riusciva a trovare una cameriera

Lavorare a 500-600 euro al mese, magari d'estate, magari nei weekend. Almeno a parole, i giovani che frequentano la zona universitaria e che hanno accettato di parlare con Bolognatoday sono tutt'altro che choosy, schizzinosi: una caratteristica attribuita spesso agli under 35 sfaticati, che non vogliono fare lavori cosiddetti umili o non in linea con le loro aspettative.

Il tema è stato risollevato di recente e portato sulle pagine della cronaca nazionale grazie alla vicenda di un albergatore-ristoratore di Castel San Pietro Terme, che qualche giorno fa lamentò come i pochi che si presentarono in risposta al suo annuncio di lavoro -un posto da cameriera, per cena e colazioni, con dimestichezza con le lingue straniere- avvessero avanzato premesse condizioni e prebende, come le vacanze estive e l'orario esclusivamente feriale. E alla fine il ristoratore non riuscì a riempire l'organico della sua sala cene, almeno nelle prime settimane.

Screenshot (352)-2

"No, non metterei davanti le mie vacanze a un lavoro estivo" risponde a caldo una ragazza, intervistata in Largo Respighi "sicuramente accetterei: le vacanze le ho già fatte da piccola, ora devo puntare più in alto" commenta.

"Lavorare per 500-600 euro al mese? Certo che sì, e lo farei anche in estate se non fosse che devo laurearmi a novembre, e devo rimanere concentrata" ammette una studentessa in dirittutra d'arrivo con il suo percorso di studi.

"Credo proprio che lavorerei anche nei weekend -ammette un ragazzo seduto ai tavolini de La Gazzetta- se non altro per permettermi vacanze più generose in seguito" scherza.

"Sono una che si sbatte, anche per aiutare la famiglia a mantenere i miei studi" dichiara infine un'altra studentessa, dopo aver anche lei ammesso che accetterebbe un lavoro dalle condizioni severe. E aggiunge: "Un giovane 'choosy'? No non ne conosco. In sincerità non penso che esistano, non ne esistono le condizioni".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona U, giovani e lavoro: 'Noi schizzinosi? Io lavorerei anche per 600 euro al mese"

BolognaToday è in caricamento