rotate-mobile
Economia

Operazione Alpha Wassermann-Sigma-Tau, Unindustria plaude: 'Importante primato'

"L'operazione fa convergere nel nostro territorio risorse e progettualità nuove", così Vacchi, esprimendo "soddisfazione per il progetto dell'amministratore delegato di Alpha Wassermann, Stefano Golinelli, che "con determinazione ha portato a compimento un progetto estremamente importante per l'economia del territorio"

Unindustria promuove l'operazione di aggregazione tra Alpha Wassermann e Sigma-Tau nel settore farmaceutico. "Ancora una volta un'azienda bolognese raggiunge importanti primati, in un segmento non facile come quello farmaceutico, e fa convergere nel nostro territorio risorse e progettualità nuove", commenta il presidente Alberto Vacchi, esprimendo la "grande soddisfazione del mondo industriale bolognese per l'operazione compiuta dall'amministratore delegato di Alpha wassermann, Stefano Golinelli, che " con grande determinazione ha portato a compimento un progetto estremamente importante per l'economia del nostro territorio".

L'OPERAZIONE. Alfa Wassermann e Sigma-Tau, due tra i più importanti gruppi farmaceutici italiani con una forte presenza anche a livello internazionale, hanno siglato un accordo per un progetto di aggregazione industriale che prevede la costituzione di una nuova società in cui confluiranno le attività farmaceutiche dei due gruppi.
L’azionariato della nuova società vedrà la maggioranza – il 75% - in capo alla famiglia Golinelli.  Alcuni componenti della famiglia Cavazza avranno una quota del 20% e Intesa Sanpaolo, già azionista di Sigma-Tau, manterrà l’attuale quota del 5%.
Con questa operazione - commentano le due società - "nascerà un Gruppo leader in Italia, Paese in cui si posizionerà tra i primi cinque operatori del settore farmaceutico sia per prodotti da prescrizione che per quelli di automedicazione". A livello internazionale sarà direttamente presente in 18 Paesi, fra cui USA, Cina, Russia e diversi Paesi Europei. Il nuovo Gruppo avrà inizialmente un fatturato di oltre 900 milioni di Euro con interessanti prospettive di crescita ed un organico di circa 2.800 dipendenti, di cui circa 1.840 operanti in Italia e 960 nelle sedi estere.

Le sedi operative in Italia saranno: Bologna, Milano, Pomezia, Alanno e Sermoneta. La dimensione del nuovo Gruppo consentirà "investimenti significativi in Ricerca & Sviluppo, da sempre un caposaldo di Alfa Wassermann e Sigma-Tau nel perseguimento di un sostenibile tasso di innovazione e di sviluppo del portafoglio prodotti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Alpha Wassermann-Sigma-Tau, Unindustria plaude: 'Importante primato'

BolognaToday è in caricamento