rotate-mobile
Economia

Caro bollette, sindacati e associazioni: "Autunno drammatico, contenere le tariffe"

Sindacati, Ferconsumatori e associazione inquilini prospettano un autunno drammatico per famiglie, lavoratori, imprese e si rivolgono alle aziende e alle istituzioni

"L'insostenibile pesantezza delle bollette" si potrebbe dire, parafrasando il titolo di un famoso romanzo di Milan Kundera. Sindacati, Ferconsumatori e l'associazione inquilini Sunia prospettano un autunno drammatico per famiglie, lavoratori, imprese e servizi e chiedono alle multiutility "politiche responsabili e agli enti locali di esercitare il ruolo pubblico”

Sebbene alcune misure siano state prese "la situazione già estremamente pesante per le famiglie in difficoltà, diventerà drammaticamente insostenibile per tutti - scrivono in una nota congiunta lanciando l'allarme - chiediamo alle istituzioni, a partire dalla Regione ed dagli Enti locali, interventi urgenti per assumere decisioni volte ad affrontare questa complicatissima situazione. Interventi e misure che già oggi sono in essere, anche per effetto di confronti avvenuti nei mesi scorsi come: dilazione del distacco delle
utenze, in caso di morosità, rateizzazione del pagamento delle bollette/sconti legati al reddito del
nucleo, dovranno essere ulteriormente rafforzati ed estesi".

Non solo interventi e aiuti, ma si rivolgono anche alle multiutility perchè attuino "politiche commerciali responsabili non mirate all’incremento dell’utile e quindi al contenimento delle tariffe - e poi - impiego degli utili, dei dividendi o degli extra profitti non tassati per interventi rivolti alle fasce più deboli di utenti; interventi sulle tariffe del teleriscaldamento, disaccoppiamento dei prezzi dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili da quelli delle fonti fossili".

"Consapevoli del contesto socio-politico internazionale e delle sue conseguenze - scrivono - occorrono
comunque decisioni e azioni urgenti e non procrastinabili, soprattutto improntate ad una (ad oggi
inedita) responsabilità sociale di tutti, per contrastare ciò che da molti analisti è considerata una
fase che potrà portare ad un collasso di interi sistemi produttivi, compromettere l’erogazione dei
servizi, esasperare il disagio sociale e le condizioni di povertà". 

"Enti locali creino fondo sociale"

Agli enti locali, in qualità di soci e azionisti, chiedono di esercitare "il loro ruolo pubblico per difendere e sostenere famiglie, lavoratori, imprese e servizi alla persona, utilizzando gli utili e i dividenti per integrare e irrobustire le misure decise a livello nazionale, - oltre a pensare con la parte eccedente la media dei dividendi degli ultimi anni - un fondo sociale da destinare prioritariamente al contrasto della povertà energetica". 

Sul caro - energia è intervenuto anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini che ha ribadito la necessità di mettere un tetto al prezzo del gas e chiesto di intervenire sugli extra profitti (i maggiori guadagni delle aziende energetiche grazie all'aumento dei costi del gas e dell'elettricità - ndr) e cercare di utilizzarli in parte per le famiglie e chi è più in difficoltà "come ha fatto la Germania". 

Scuola, i rincari anche sui banchi: "Aumenti tra il 5 e il 30 per cento"

INTERVISTA | Bollette da 300 a 2300 euro. Così il "Latte di Guglielmo" rischia di non sopravvivere

Caro energia, l'ex assessore: "Politica arrivata tardi, distolta da campagna elettorale"| VIDEO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, sindacati e associazioni: "Autunno drammatico, contenere le tariffe"

BolognaToday è in caricamento