rotate-mobile
Economia

Autostrade: i benziai incrociano le braccia per due giorni

Le associazioni dei gestori di impianti stradali Anisa Confcommercio, Faib Confesercenti e Fegica Cisl hanno indetto due giorni di fermo, il 4 e 5 marzo

I gestori degli impianti autostradali hanno indetto uno sciopero per protestare contro la sovrattassa imposta sul carburante: le associazioni dei gestori di impianti stradali Anisa Confcommercio, Faib Confesercenti e Fegica Cisl hanno indetto due giorni di fermo, il 4 e 5 marzo, che costringerà molti automobilisti a fare a meno dell’autostrada.

LE TASSE SUL CARBURANTE - In sostanza le società autostradali ricevono una royalties dalle compagnie petrolifere di 18 centesimi per ogni litro di carburante. Una sovrattassa che, secondo le associazioni di categoria, sarebbe responsabile - insieme all’aumento dei pedaggi - della crisi che ha colpito i gestori di impianti autostradali (autogrill compresi). Una sorta di royalty che oggi si aggira sui 18 centesimi di oggi, balzello che secondo le associazioni di categoria dovrebbe essere azzerato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade: i benziai incrociano le braccia per due giorni

BolognaToday è in caricamento