Economia Fiera / Via Michelino

Industria: -5.3% di ricavi globali. Responsabile il Governo, Unacea: "Manca politica industriale"

Al Saie le aziende produttrici di macchine per costruzioni. Unacea, colpa al Governo: "Da parte dei decisori pubblici totale mancanza di politica industriale". Innovazione, ricetta anti-crisi

Saie 2011, luogo d'incontro Unacea

Formazione e innovazione queste le armi contro la crisi di mercato, che ha colpito vari settori. Ricadute negative anche sulle aziende produttrici di macchine per costruzioni, che puntano a superare le difficoltà del momento, appunto, rinforzando la tecnologia e formando un personale altamente qualificato.
Le imprese del settore ieri si sono riunite a Bologna, in occasione del 'Costruction equipment day' al Saie.

DATI SCORAGGIANTI. Secondo uno studio di 'Crisis D&B', nel 2010 sono andati persi per l'industria italiana ancora 5,3 punti percentuali di ricavo globale rispetto al 2009. Il nuovo segno negativo ha portato la somma dei bilanci appena depositati dalle aziende nel 2010 a un valore complessivo di 2.291 milioni, il 47% in meno rispetto all'anno di picco del 2008. Lo studio evidenzia inoltre come, sempre dal 2008, la rischiosità in termini di dilazione dei tempi di pagamento degli acquirenti di macchine per costruzioni sia aumentata del 45%.

"Le imprese italiane del nostro comparto - ha detto Enrico Santini, presidente di Unacea (Unione nazionale aziende construction equipment & attachments) - sono depositarie di un know how tecnologico e imprenditoriale d'eccellenza e reagiscono facendo leva sui mercati esteri e sulla specializzazione di prodotto". Tuttavia, ha sottolineato, "registriamo da parte dei decisori pubblici la più totale mancanza di politica industriale e di attenzione all'internazionalizzazione". Per questo Unacea ha ribadito di aspettarsi una chiamata in materia di supporto al commercio estero: "Chiediamo al tavolo delle macchine per costruzioni cui partecipiamo al ministero dello Sviluppo economico, un approccio più proattivo, veloce e aperto a un confronto adeguato alla situazione attuale di emergenza. Troppe aziende e troppi posti di lavoro sono a rischio".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Industria: -5.3% di ricavi globali. Responsabile il Governo, Unacea: "Manca politica industriale"

BolognaToday è in caricamento