Martedì, 22 Giugno 2021
Economia Fiera / Piazza della Costituzione

Bruxelles, l'E-R sarà polo d’eccellenza della ricerca in campo alimentare e agroalimentare

Alimentazione, innovazione e sicurezza in campo alimentare: questi i temi che verranno trattati da questa piattaforma permanente e internazionale dell'Emilia-Romagna. A Bruxelles anche Barilla e Granarolo

La Regione Emilia-Romagna a Bruxelles per presentare il World Food research and innovation Forum al Parlamento Europeo. Il progetto strategico che partendo da Expo Milano 2015 vuole creare una piattaforma permanente e internazionale in Emilia-Romagna sui temi dell’alimentazione, dell’innovazione e della sicurezza in campo alimentare, è stato illustrato ieri pomeriggio dagli assessori regionali al Coordinamento delle Politiche europee allo sviluppo Patrizio Bianchi e all’Agricoltura Simona Caselli.

Insieme a loro anche i rappresentanti di importanti aziende emiliano romagnole del settore agroindustriale come Barilla e Granarolo, del sistema Fiere, delle università e dei centri di ricerca. I lavori sono stati coordinati da Paolo De Castro europarlamentare e presidente del comitato strategico, e hanno partecipato Paolo Bonaretti di Aster, Alberto Spagnolli dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare Efsa, David Wilkinson commissario europeo ad Expo Milano 2015 e Marco Peronaci rappresentante permanente aggiunto.

La prima edizione del World Food research and innovation Forum si terrà il 22-23 settembre prossimo durante la settimana della Regione Emilia-Romagna ad Expo Milano 2015.A Bruxelles ancora una volta abbiamo incontrato la Commissione Europea, per avere conferma del ruolo di leader che la Regione Emilia-Romagna deve avere in Europa nell’ambito della ricerca, dell’innovazione e delle competenze – ha spiegato l’assessore Patrizio Bianchi – Partendo dall’occasione dell’Expo, la Regione intende valorizzare a livello europeo e internazionale le nostre eccellenze, la nostra ricerca e la capacità di innovazione”.

Il World Food Forum sarà un progetto mondiale con il quale l’Emilia-Romagna si candida a diventare un polo d’eccellenza della ricerca in campo alimentare e agroalimentare ha detto l’assessore Simona Caselli - Questa Regione ha le carte in regola per farlo, forte dei grandi marchi del suo agroalimentare, delle sue eccellenze Dop e Igp, simbolo in tutto il mondo del miglior made in Italy, della sua capacità di competere sui mercati internazionali, ma anche dell’attenzione che da sempre dedica agli aspetti del lavoro”.  

Il Forum aspira a creare in Emilia-Romagna un hub internazionale della ricerca nel campo dell'alimentazione e della sicurezza alimentare e costituire una piattaforma di attrazione e relazioni di competenze a livello mondiale, esperienze e progetti nel campo della ricerca alimentare nel futuro, a sostegno della competitività delle imprese e delle filiere produttive per l’Italia e l’Unione Europea sui mercati mondiali.

Il World Food research and innovation Forum è promosso dalla Regione Emilia-Romagna, dalle Associazioni Imprenditoriali, dal Sistema Regionale delle Fiere (Bologna Fiere, Cesena Fiera, Fiere di Parma), dal sistema della ricerca (Università dell’Emilia-Romagna e i Centri di ricerca, in collaborazione con Aster), dal Consorzio regionale per l’innovazione e il trasferimento tecnologico e con la partecipazione di istituzioni europee e internazionali.

Fino ad oggi si sono già svolte quattro tappe in preparazione del Forum nel 2014 nelle quali si è parlato di bioeconomia, sostenibilità dell’uso dell’acqua in agricoltura, ottimizzazione dei processi di trasformazione e logistica dei prodotti refrigerati, di sicurezza alimentare. Su quest’ultimo tema, per la prima volta, tre agenzie internazionali sulla sicurezza alimentare (Europa, Cina e Canada) si sono confrontate sulle strategie globali e sulla necessità di promuovere regole comuni per garantire la salute di tutti cittadini e la protezione dei consumatori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruxelles, l'E-R sarà polo d’eccellenza della ricerca in campo alimentare e agroalimentare

BolognaToday è in caricamento