menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confindustria, Bocci batte Vacchi per un soffio: "Segno di due posizioni diverse"

Stoccata di Merola: "Confindustria ha scelto ancora una volta una linea conservatrice che non li aiuterà a risolvere i problemi di rappresentatività che hanno"

Il nuovo presidente nazionale di Confindustria è Vicenzo Boccia, che batte per un soffio l'industriale bolognese Alberto Vacchi. Solo nove, infatti, i voti di differenza tra i due candidati. Si parla di "uno scarto minimo, testimonianza di una Confindustria che ha due posizioni diverse", fa notare Vacchi, che però - facendo i migliori auguri al neoletteo - avverte: "Ora quello che non deve esistere è una spaccatura di Confindustria".

'SCELTA CHE NON AIUTERA' CONFINDUSTRIA'. Non mettendosi nelle mani di Vacchi, Confindustria ha scelto "ancora una volta una linea conservatrice" che "sicuramente non li aiuterà a risolvere i problemi di rappresentatività che hanno". Queste le parole del sindaco di Bologna, Virginio Merola,  commentando a caldo la vittoria di Boccia. "Mi dispiace moltissimo- dice Merola- Vacchi comunque è una persona di grande rilievo che sta facendo molto per questa città e per il Paese. E continueà a farlo". Confindustria invece "scegliendo ancora una volta una linea conservatrice- è la stoccata del sindaco- continuerà ad avere molti problemi".

Anche il presidente della Commissione Affari esteri del Senato Pier Ferdinando Casini, ha commentato a caldo il voto asserendo che "Vincenzo Boccia ha una grande esperienza confindustriale che lo aiuterà molto. Gli faccio i migliori auguri e sono certo che non potrà fare a meno della qualità e dell'apporto di un grande industriale come Alberto Vacchi, che in questi anni a Bologna ha conquistato sul campo considerazione e stima".

CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE.  Vincenzo Boccia è nato a Salerno nel 1964, sposato e padre di due figlie, è amministratore delegato dell’azienda di famiglia Arti Grafiche Boccia. Sostenuto da Emma Marcegaglia e Luigi Abete, ha avuto l’appoggio delle federazioni confindustriali del Piemonte, di una parte della Lombardia (Lecco, Sondrio, Mantova e Legnano) e del Veneto (Vicenza, Verona, Venezia), poi i voti del Sud tranne quelli di Napoli che insieme all’ex presidente Antonio D’Amato aveva scommesso su Bonometti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento