Covid, riapertura negozi su appuntamento: ok del consiglio comunale

Intanto c'è anche l'accordo anche tra Regioni e Governo sull'anticipo di alcune ripartenze

Nel corso della seduta di oggi  il Consiglio ha approvato all'unanimità un ordine del giorno, presentato dal consigliere Gian Marco De Biase (gruppo misto-Al centro Bologna) e poi emendato in aula, per chiedere alla Regione di consentire agli esercizi commerciali, attualmente chiusi e che potrebbero aprire il 18 maggio, di aprire in questo periodo transitorio su appuntamento.

Ultimora: intesa Governo-Regioni ok a riaperture anticipate

Se nel pomeriggio così licenziava il consiglio comunale felsineo, in serata è arrivata anche l’intesa tra governo e Regioni per anticipare alcune ripartenze. Tra giovedì e venerdì, sulla base dei dati del monitoraggio, arriveranno le linee guida per consentire alle Regioni di riaprire dal 18 maggio non solo le attività del commercio al dettaglio, bar e ristoranti, ma anche i negozi di estetisti e parrucchieri. Resterebbero fuori, per ora cinema teatri palestre e piscine.

"Nei prossimi giorni il ministro Speranza e l'Inail vi invieranno i protocolli per la ristorazione, i servizi alle persone (compresi estetisti e parrucchieri) e le attività legate alla balneazione". Così il premier Giuseppe Conte in teleconferenza con le Regioni ha dato il via libera per le aperture a partire dal prossimo lunedì.

Cosa pevede il DPCM del 26 aprile 2020

Da decreto del Presidente del Presidente del Consiglio, invece, per il 18 maggio era fissata solo la riapertura del commercio al dettaglio, musei, mostre e biblioteche. Il 1 giugno invece era la data del via libera alla riapertura di bar, ristoranti, barbieri, parrucchieri, centri estetici e cura della persona. In dissenso a questo scenario commercianti e ristoratori -e poi lavoratori dello spettacolo, operatori sanitari, artisti, liberi professionisti e cittadini- avevano  lanciato una  mobilitazione (fissata per sabato 16 maggio  in piazza Maggiore "e in contemporanea in tutta Italia").  A organizzarla è Giovanni Favia, ex consigliere regionale M5s e oggi "oste".

Vedremo se alla luce dell'accordo in via di definizione in queste ore gli esercenti interessati si riterranno soddisfatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(ultimo aggiornamento alle 20.30)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +544 nuovi casi, boom a Bologna

  • Test sierologici gratuiti e rapidi, ecco l'elenco delle farmacie aderenti a Bologna e provincia

  • Bar e ristoranti, nuova ordinanza: fissato il termine di chiusure e riaperture

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • Incidente e incendio in A1: scontro tra camion e un morto, autostrada chiusa per quattro ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento