Coronavirus: il comune "ragiona" su nuove pedonalizzazioni, non solo in centro

Così il primo cittadino al termine di un incontro con una delegazione di ristoratori

Foto FB

"Intendiamo recuperare spazio in città, non solo in centro storico". Il sindaco Virginio Merola ragione sulle nuove pedonalizzazioni "per garantire, in sicurezza, convivialità e socialità" a fronte delle restrizioni imposte per il contenimento del coronavirus.

Lo scrive il primo cittadino su un post pubblicato sui social al termine di un incontro con l'assessore al Commercio, Alberto Aitini, una delegazione di ristoratori, rappresentanza della Federazione ristoranti di Confcommercio-Ascom, guidata dallo chef Vincenzo Vottero.

I ristoratori "hanno ribadito, oltre alla possibilità di riaprire il prima possibile, la necessità di vedersi concedere una sostanziale riduzione delle tasse locali (in primis occupazione del suolo pubblico e rifiuti), almeno del 40%, dalla riapertura delle aziende fino a fine anno - riferisce Ascom - così come la disponibilità da parte del Comune di adottare misure meno restrittive per quanto riguarda la concessione di dehor e tavoli all'aperto, consentendone l'allargamento temporaneo". Su questo tema, da parte di Merola "ci sono state parole di apertura che hanno garantito il massimo impegno- scrive l'associazione- per trovare la formula giusta che possa permettere l'ampliamento dei dehor.

Atteggiamento accolto con soddisfazione dai ristoratori che hanno dimostrato l'assoluta consapevolezza a mettere in sicurezza i propri locali, per tutelare la salute sia dei dipendenti che dei clienti". Ma c'e' un aspetto in piu' su cui i ristoratori "si aspettano garanzie": ribadito l'impegno ad usare mascherine, guanti e gel, "i titolari dei locali chiedono di non essere ritenuti responsabili dal punto di vista penale, per eventuali malattie o infortuni sul lavoro legate al Covid-19".

Riaprire in sicurezza "non è solo un dovere, ma una obbligo che abbiamo verso dipendenti e clienti", dichiara Vottero: "Noi faremo la nostra parte rispettando tutti i criteri che ci verranno richiesti per prevenire il contagio da Covid-19. Trovandoci di fronte a un'emergenza, dovuta alla pandemia da Coronavirus, però, se un locale segue le linee guida indicate, non puo' poi essere ritenuto responsabile per eventuali contagi".

Un problema, quello degli esercizi commerciali ancora chiusi, affrontato anche dal presidente della regione, Stefano Bonaccini: le riaperture del primo di giugno, "potranno essere anticipate, se tutto andrà come ci auguriamo"

"Sicuramente il tema del bisogno di liquidità che mi è stato posto assieme a quello di un'attenzione ancora maggiore sulle tasse comunali". Questo dopo che già "abbiamo deciso di annullare il canone di pagamento del suolo pubblico dall'11 marzo alla riapertura per quelle attività che hanno dovuto chiudere- ricorda il sindaco- e abbiamo previsto uno sconto Tari di dieci milioni di euro prorogando la scadenza a fine settembre".

Coronavirus e locali, chiavi in mano a Merola: "Tavolini sulle strisce blu" | VIDEO

Inoltre, "attendiamo il decreto del Governo e questo ci consentirà di definire le misure di nostra competenza per aiutare questo settore. Aggiungo che è necessario semplificare al massimo le procedure per poter accedere a qualsiasi provvedimento", scrive Merola. Infine, "a questi ristoratori ho detto, come anche alla delegazione guidata da Giovanni Favia, che intendiamo recuperare spazio in città - continua - non solo in centro storico. Tutto questo ragionando, anche, su nuove pedonalizzazioni per garantire, in sicurezza, convivialità e socialità". La vicesindaca Valentina Orioli e gli assessori Aitini e Matteo Lepore "sono al lavoro e siamo disponibili a raccogliere idee da tutto questo settore duramente messo alla prova dall'emergenza sanitaria", conclude il primo cittadino. (dire)

Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 5 maggio: "Differenziale guariti complessivi e malati effettivi fra i più alti nel Paese"

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino del 5 maggio: dati comune per comune

Come si viaggia in fase 2: a bordo di un autobus Tper a Bologna | VIDEO

Covid-19, 'fase 2': cosa è aperto e cosa resta ancora chiuso

Bonaccini: "Senza rimbalzo di contagi, aperture anticipate"

Coronavirus, primo giorno fase 2: 19mila persone sui treni regionali dell’Emilia Romagna

VIDEO | Primo giorno - Fase 2: pomeriggio assolato, pienone ai Giardini

Coronavirus, tra due settimane altri 4 milioni di mascherine gratuite

Covid-19, fase 2: ecco il nuovo modello di autocertificazione. Scaricalo qui

Coronavirus, fase 2 anche per gli ospedali: al via le prime prestazioni non urgenti

Coronavirus, fase 2: chi sono i 'congiunti' che si possono incontrare?

Covid-19, fase 2: quali spostamenti sono consentiti? Le domande più frequenti

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento