Covid, se non calano gli affitti, molti studenti non torneranno: i risultati del questionario

Secondi dati del questionario lanciato da Sunia-Rete Studenti si sta pensando a smettere di frequentare, a cambiare ateneo o casa e anche ad abbandonare gli studi

Studentesse e studenti fuorisede (circa 100.000 nella nostra regione) sono tra le fasce che hanno subito le conseguenze economiche e abitative dell'emergenza covid, a causa della chiusura dell'università e delle attività con le quali molti di loro si sostengono.

Rete degli Universitari, in collaborazione con il SUNIA- Sindacato unitario nazionale inquilini assegnatari Emilia-Romagna, hanno lanciato nelle scorse settimane un questionario digitale per capire le condizioni di questa consistente fascia di persone. 

Il Comune dà un milione di euro a chi affitta a studenti e famiglie

Più dell’83% continua a pagare l’affitto pur non vivendo in questo momento all’interno della casa, per via dell'interruzione delle lezioni universitarie "in presenza". Inoltre, circa il 70% dichiara di non essere riuscito a intervenire sul proprio contratto per diverse motivazioni, che riguardano spesso il rifiuto del proprietario (il 38,7%). Il
38,5% si troverà quindi costretto a cambiare casa. Altri stanno pensando a scelte più radicali: il 5,4% è
disposto a smettere di frequentare, il 2,5% a cambiare ateneo, l’1,2% ad abbandonare gli studi universitari. Il 52,4% si dice invece intenzionato a non cambiare casa.

Più del 50% dei fuorisede vive con più di tre persone nella stessa casa e il 55% delle case ha un bagno ogni 3-4 inquilini.

"Di fronte a questo scenario, chiediamo alla Regione di non ignorare i problemi di migliaia di studenti fuorisede e di convocarci il prima possibile per discutere le nostre proposte per garantire il diritto allo studio e per intervenire sul mercato regionale della casa, i commenti che abbiamo raccolto esprimono le preoccupazioni di un’intera generazione, che vede il proprio futuro ancora più incerto e si sente abbandonata dalla politica” - spiega Francesco Martinelli della Rete degli Universitari -  i dati confermano un disagio che nelle nostre sedi territoriali veniva percepito. Oggi questo deve essere affrontato intervenendo direttamente sul mercato dell'affitto in modo strutturale, sostenendo i contratti a canone concordato per studenti e la possibilità di ridurre i canoni in tutti quei casi dove si
modificano le condizioni economiche del nucleo famigliare dello studente e/o il piani di studio. Lo studente deve essere tutelato al pari di altri inquilini”, sottolinea Valentino Minarelli, segretario regionale del SUNIA ER.

I dati

l 38,7% dei proprietari non vuole abbassare il canone. Il 38,5% degli studenti pronto ad un’altra soluzione. Scelte radicali per il 9,1%. E intanto l’83% ha lasciato la casa ma continua a pagare.  

Confermata la forte presenza di studenti fuori sede provenienti da varie regioni d'Italia, in prevalenza da Puglia, Veneto e Lombardia.

Il Questionario digitale fuorisede-covid

Il canone concordato è il tipo di contratto più utilizzato (41.3% ), seguito dal canone libero (37.3%). L’11.4% degli studenti non è a conoscenza del tipo di contratto di cui dispone. Questo dato potrebbe evidenziare una consistente parte del campione che dichiara di non essere a conoscenza del contratto per evitare di dichiararsi senza contratto ( (solo l’1.9% dichiara di non averlo). Sono preponderanti le tipologie di stanza singola e doppia, rispettivamente il 58.1% e il 38.3%. 

Costi 

Circa l’83% degli studenti è tornato a casa, o non sta comunque vivendo nella casa in affitto, ponendo seri interrogativi sulla legittimità del pagamento di un servizio di cui non si usufruisce e sulla ripresa di esami e lezioni in presenza.

I costi medi, escluse utenze e tasse condominiali, sono indicativi: posto letto in Emilia-Romagna 303 euro circa. 
Costo medio posto in singola: 318 euro circa. Costo medio posto in doppia: 275 euro circa. Più del 50% vive con più di 3 persone nella stessa casa, il rapporto di servizi igienici rispetto al numero degli inquilini è estremamente preoccupante (il 55% ha un bagno ogni 3-4 inquilini).

Si rileva un generale rifiuto da parte dei proprietari a venire a patti con gli inquilini per rimodulare l'accordo in questo ultimo periodo, anche se più del 30% si è mosso o si sta muovendo in questo senso. 

Se non ci fossero interventi specifici sul costo dell'affitto il 52.4% rimarrebbe nella stessa casa, mentre un 38.5% cercherebbe nuove soluzioni abitative, dando l'idea di un mercato della casa che vedrà una evoluzione nei prossimi mesi. Inoltre è indicativo che un 9.1% prevede di intraprendere scelte molto più radicali come smettere di frequentare o addirittura abbandonare l'università.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In conclusione, si evince dai commenti un forte sentimento di frustrazione e spaesamento, dovuto 
principalmente dal senso di abbandono delle istituzioni e della 'politica' largamente intesa. Si  registrano inoltre molte lamentele riguardo i comportamenti tenuti dai proprietari e sulla incomprensibile spesa da sostenere in questa situazione di difficoltà", conclude la Rete. 

Leggi anche:

Accordo Governo-Regioni: sì alle riaperture il 18 maggio, dal 3 giugno via agli spostamenti 

Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 15 maggio: 56 nuovi casi positivi, ancora 13 morti. Altri 341 guariti

Coronavirus, bollettino Bologna e provincia 15 maggio: tutti i dati comune per comune

Coronavirus, l'Unipol Arena si trasforma: 100mila test sierologici e tamponi al mese

Smart working e dintorni. Come il coronavirus ha cambiato il nostro approccio al lavoro

Ok alle riaperture per parrucchieri, tatuatori & co: "Più confusione che gioia, tempi troppo stretti per adeguarsi"

Covid-19 fase due, cosa cambia negli ospedali: "Check point, sale d'attesa vuote, distanze e teleconsulti"

Petropulacos nel comitato nazionale: "Fortuna l'esperienza nella sanità di questa regione"

Coronavirus, "discesa" della Madonna di San Luca: obbligo di mascherine e no processioni

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento