Lunedì, 14 Giugno 2021
Corsi&Formazione

Lavoro: il mercato è in crisi, futuro per i nostri manager in Russia?

Al via dall’Università di Bologna il primo master italiano e unico in Europa in ‘Relazioni internazionali d’impresa Italia-Russia’: “La Russia rappresenta uno tra i mercati target più importanti per l’interscambio con il nostro Paese"

Parte domani, 17 gennaio, dall’Università di Bologna – Scuola di Economia, Management e Statistica - il primo master universitario italiano e unico in Europa in ‘Relazioni internazionali d’impresa Italia-Russia’. Contrattualistica, international taxation, marketing ed economia, finanza internazionale e sistema bancario russo, diritto tributario e del lavoro sono solo alcuni degli insegnamenti attivati per i 16 studenti laureati immatricolati per l’anno accademico 2013-2014 (su 21 ammessi alle selezioni), di età compresa tra i 24 e i 32 anni.

Il master, diretto dal prof. Emanuele Menegatti del Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia dell’Università di Bologna e realizzato con il sostegno e la collaborazione di Banca Intesa Russia e Carisbo, banche appartenenti al Gruppo Intesa Sanpaolo,  prevede un calendario di lezioni di 1500 ore (60 crediti formativi universitari dal 17 gennaio al 19 luglio 2014, nelle giornate di venerdì e sabato) di cui 320 ore di lezione frontale e 500 ore di tirocinio oproject work con stage in Italia e in Russia a partire dal prossimo settembre. Obiettivo: formare nuove e specifiche competenze manageriali e imprenditoriali in grado di agire nel sistema economico russo in cui attualmente operano circa 20mila aziende italiane (il 10% sul totale delle imprese export oriented).  Per Emanuele Menegatti, direttore del master in Relazioni internazionali d’impresa Italia-Russia: “L’iniziativa dell’Università di Bologna colma una lacuna nel panorama italiano dell’alta formazione post lauream  che, ad oggi, non contemplava una risposta  formativa adeguata e specializzata per il mercato russo. Questo primo master ci consente di dare delle risposte concrete alla domanda di internazionalizzazione delle aziende italiane, inserendo profili qualificati nel mercato del lavoro in grado realizzare gli obiettivi delle imprese attive in Russia”.

Per il presidente di Banca Intesa Russia e dell’Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico: “La Russia rappresenta uno tra i mercati target più importanti per l’interscambio con il nostro Paese che nei primi 10 mesi del 2013 è cresciuto dell’8,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente portando l’export a sfiorare i 10 miliardi di euro con un incremento del 9,8%. Per questo – conclude Fallico - le nostre imprese italiane devono sapersi rilanciare nella sfida che la globalizzazione eurasiatica ci offre. Il made in italy fatto di prodotti, servizi, innovazione, creatività è un valore aggiunto che deve essere ben gestito da profili specializzati nelle relazioni politico-commerciali. Questo master può contribuire a dare vita a una rivoluzione culturale e professionale che potrà avere ripercussioni positive sullo scacchiere commerciale del Paese”.

Per l’Ing. Adriano Maestri, Direttore Regionale di Intesa Sanpaolo: “Il Master rappresenta un importante e concreto strumento di conoscenza e approfondimento delle specifiche peculiarità che caratterizzano il mercato russo, utilizzabile sicuramente anche dalle piccole e medie imprese che desiderano rivolgersi a tale mercato, ritenuto tra quelli a maggior sviluppo per le nostre imprese, sia per il grande potenziale di crescita che possiede la Russia sia per il fatto che apprezza particolarmente i prodotti di punta della nostra produzione industriale, dalla meccanica alla ceramica, dalla moda, all’alimentare, all’arredamento e oltre”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro: il mercato è in crisi, futuro per i nostri manager in Russia?

BolognaToday è in caricamento