rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Corsi&Formazione

Opificio Golinelli, apre la palestra "d’imprenditorialità" per studenti universitari

Il Giardino delle imprese, scuola informale di cultura imprenditoriale della Fondazione Golinelli, amplia la propria offerta formativa lanciando un percorso innovativo, inedito nel panorama nazionale, rivolto agli studenti universitari, per questa prima edizione selezionati tra le Scuole dell'Università di Bologna

Il Giardino delle imprese, scuola informale di cultura imprenditoriale della Fondazione Golinelli, amplia la propria offerta formativa lanciando un "percorso innovativo, inedito nel panorama nazionale, rivolto agli studenti universitari", per questa prima edizione selezionati tra le Scuole dell’Università di Bologna. Dopo il primo biennio riservato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, il Giardino delle imprese avvia oggi un percorso parallelo: Icaro, palestra d’imprenditorialità per studenti universitari.
 Si tratta di un percorso "di eccellenza non vincolato alla teoria, una vera e propria esperienza d’imprenditorialità per realizzare idee innovative e progetti concreti basati su problemi reali posti da imprese nazionali e internazionali". Icaro nasce nella convinzione che sia "necessario facilitare il passaggio dalla ricerca al mercato, intervenendo sull’accelerazione del trasferimento tecnologico ed esercitando le proprie competenze su idee concrete e su possibili traduzioni produttive immediate, apprendendo inoltre, e codificandoli, nuovi paradigmi formativi sempre più in continuo aggiornamento".

Non è certo un caso - afferma Marino Golinelli, presidente della Fondazione Golinelli - se le più grandi e innovative imprese del mondo avanzato vanno ormai nelle università di maggior ranking nel tentativo di sollecitare gli allievi migliori a entrare subito nel mondo della produzione, che ha bisogno di sempre maggior freschezza e più non tollera una cultura superiore quando accade che sia cristallizzata dentro vecchi schemi e paradigmi socio-economici del passato. Sperimentare ragionando, sapendo che ogni ragazzo e ogni ragazza è oggi depositario di un capitale di creatività in grado di esprimersi con strumenti di produzione alla portata di tutti”.

“Sensibilizzare i nostri studenti - spiega Francesco Ubertini, rettore dell’Alma Mater - sui temi dell’innovazione, del cambiamento, del lavoro di gruppo, dell'interdisciplinarità e soprattutto avvicinarli al mondo delle aziende e ai loro concreti problemi nel nuovo strumento formativo del design thinking è un obiettivo per noi fondamentale. E Icaro rappresenta una perfetta occasione in questa direzione, in totale sintonia con le molte azioni che stiamo concretamente realizzando per e con i nostri studenti, in vista della creazione di una cultura imprenditoriale sempre più diffusa”.

Icaro avrà come docenti esperti internazionali, accademici e imprenditori di successo. Le attività, i workshop e gli incontri si tengono a Opificio Golinelli di Bologna (via Paolo Nanni Costa, 14), la cittadella per la conoscenza e la cultura della Fondazione Golinelli, e nelle imprese coinvolte nell’arco di 7 mesi (febbraio 2016 – ottobre 2016).
Lanciato da Fondazione Golinelli, Icaro nasce in partnership - scientifica e organizzativa - con l’Università degli Studi di Bologna e in collaborazione con AidAF (Associazione italiana delle aziende familiari), che ha tra i suoi obiettivi quello di promuovere la cultura imprenditoriale e favorire il passaggio generazionale nelle grandi famiglie imprenditoriali italiane.
Hanno aderito al progetto anche il Gruppo dei Giovani Industriali di Assobiomedica e tre aziende coinvolte in una logica di open innovation. Le tre aziende sono Sebia Italia e Theras Group, entrambe del settore dei dispositivi medici, e Banca Patrimoni Sella & C.del Gruppo Banca Sella.
 
Sono 150 le candidature arrivate per questa prima edizione, provenienti dalle Scuole di Lettere e Beni culturali, Ingegneria e Architettura, Economia, Management e Statistica, Agraria e Medicina Veterinaria, Medicina e Chirurgia, Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie, Scienze politiche, Giurisprudenza. In 30 – fra i 19 e i 25 anni - sono stati selezionati per partecipare a questa prima esperienza pilota che comincia giovedì 25 febbraio. Il percorso è gratuito.

Il progetto si articola in tre sessioni full-immersion nell’arco di sette mesi, intervallate da periodi di lavoro a distanza e in autonomia. Sono previsti momenti di aula, affiancamento da parte di mentor, workshop e incontri con imprenditori. Le date dei workshop sono da giovedì 25 a sabato 27 febbraio, da giovedì 12 maggio a sabato 14 maggio, da giovedì 29 settembre a sabato 1 ottobre.
Punto fondamentale del percorso è lo sviluppo di un progetto imprenditoriale (project work) stimolato da temi reali posti dalle aziende partner che cercano soluzioni innovative. Organizzati in gruppi di lavoro interdisciplinari, gli studenti lavorano anche in autonomia supportati da mentor specializzati (imprenditori di successo, under 40, attivi nel comparto delle tecnologie ICT) e a contatto con le aziende coinvolte.
Icaro utilizza la metodologie di studio del Design thinking: applicazione di tecnica di design alla risoluzione di problemi in tutti gli ambiti della vita, dalla creazione di prodotti o servizi fino all’esplorazione e definizione di un business.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opificio Golinelli, apre la palestra "d’imprenditorialità" per studenti universitari

BolognaToday è in caricamento