rotate-mobile
Economia

Dehors bar e ristoranti, proroga fino al 31 marzo: ok del consiglio comunale

Una delibera ha stabilito però che non ne hanno diritto, i locali che hanno preso due o più multe per la violazione delle norme anti-Covid

Durante la seduta odierna, il Consiglio Comunale, con 27 voti favorevoli (Partito Democratico, Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo misto-Nessuno resti indietro, gruppo misto-Al centro Bologna) e 6 astenuti (Lega nord, Fratelli d'Italia, Insieme Bologna), l'ulteriore proroga delle misure per l’occupazione di suolo pubblico per bar e ristoranti (dehors). 

La proroga rientra nel “Piano straordinario per l’occupazione di suolo pubblico per spazi di ristoro all’aperto annessi a locali di pubblico esercizio di somministrazione”, ed è valida fino al 31 marzo 2021, ma i consiglieri si sono riservati di disporre un’ulteriore slittamento per il periodo successivo, in parallelo con le misure nazionali, oltre a valutare possibili estensioni "delle deroghe, gli indirizzi e i criteri operativi, al fine di perseguire un miglior contemperamento degli interessi pubblici e privati coinvolti nell’uso dello spazio pubblico, inerenti al sostegno al settore economico della somministrazione, al rispetto del distanziamento fisico per finalità sanitarie tanto dei clienti quanto dei passanti, alle esigenze dei residenti e all’accessibilità di pedoni, biciclette e persone con disabilità". La delibera ha validità immediata. 

L'Emilia-Romagna torna in zona gialla: riaprono bar, ristoranti e musei 

A ottobre scorso, una delibera ha stabilito che non hanno diritto a proroga delle deroghe straordinarie, i locali che hanno preso due o più multe per la violazione delle norme anti-Covid. E' prevista la sospensione per tre giorni alla prima violazione, per sette giorni alla seconda e dichiarata decaduta alla terza, senza la possibilità di chiederla nuovamente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dehors bar e ristoranti, proroga fino al 31 marzo: ok del consiglio comunale

BolognaToday è in caricamento