Dichiarazione dei redditi: a chi dare il 5X1000? Le opportunità a Bologna

Ricerca medica, associazioni, no-profit: ecco qualche suggerimento per destinare il 5x1000 a Bologna. Un'opportunità per sostenere chi ci sostiene

E' tempo di decidere a chi destinare il cinque per mille, ovvero la quota dell'imposta IRPEF che lo Stato italiano ripartisce, per dare sostegno, tra enti che svolgono attività socialmente rilevanti (come non profit e ricerca scientifica). Il versamento è a discrezione del cittadino-contribuente, contestualmente alla dichiarazione dei redditi. Ma i bolognesi a chi daranno il loro 5XMILLE? Ecco qualche suggerimento:

All’ANT, che è stata fondata proprio a Bologna. I medici, gli infermieri, gli psicologi che lavorano per ANT assistono ogni giorno 3.800 malati di tumore nelle loro case. Solo il 17% di quanto ANT raccoglie per sostenere la propria attività deriva da fondi pubblici, il resto è frutto di donazioni di aziende e cittadini. Il 5x1000 rappresenta l’11% del bilancio di ANT ed è quindi indispensabile per continuare a garantire assistenza domiciliare professionale gratuita. Destinare il 5x1000 alla Fondazione ANT non costa nulla perché non è una tassa in più, ma una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni non profit per sostenere le loro attività. AIAS: un'associazione impegnata, in rete con la società civile, per garantire l'indipendenza, l'autonomia e la sicurezza delle persone disabili, il sostegno ai loro familiari e la preparazione all’emancipazione dalla famiglia. "Chiediamo il tuo contributo in modo particolare per sostenere il volontariato (per la ricerca, la selezione, la formazione, il coordinamento dei volontari, che si impegnano, quali risorse indispensabili, a contribuire alla migliore qualità della vita), il tempo libero (per organizzare uscite ludiche, ricreative, culturali per l‘inclusione sociale e contrastare l'isolamento), innovazione (per dare nuove risposte a bisogni che cambiano, per progettare, sperimentare e realizzare servizi all’avanguardia), segretariato sociale (per dare sempre una risposta a chi ci contatta su ogni genere di problematica inerente al mondo della disabilità. In caso di emergenze cerchiamo di intervenire tempestivamente, con un aiuto concreto a chi si trova in difficoltà), partecipazione (per essere presenti nei luoghi dove vengono prese le decisioni che riguardano la vita delle persone con disabilità), osservatorio (per monitorare la qualità della vita delle persone disabili nel nostro territorio: scuola, mobilità, barriere architettoniche...)

Alla CINETECA DI BOLOGNA: il 5 per mille alla Cineteca di Bologna: da oggi si può. La Cineteca di Bologna aggiunge un nuovo importante tassello alla sua campagna di sensibilizzazione al valore della cultura, già inaugurata con il tesseramento Amici e Sostenitori e la sottoscrizione per salvare il cinema in Piazza Maggiore. Grazie al nuovo status di Fondazione, la Cineteca di Bologna può oggi concorrere al 5x1000 dell’Irpef, scelta per la quale ciascuno può optare nella propria dichiarazione dei redditi. (https://www.cinetecadibologna.it/comprare/5x1000)

L'Ospedale RIZZOLI (https://www.ior.it/sostieni-rizzoli/5-mille-scegli-il-rizzoli) Con il 5 per mille puoi sostenere la ricerca dell'Istituto Ortopedico Rizzoli. E' un'azione che non costa nulla e che si può fare in occasione della dichiarazione dei redditi relativi al 2011. Basta scrivere il codice fiscale del Rizzoli
00302030374

I GIOVANI RICERCATORI DELL’UNIVERSITA’ DI BOLOGNA.
https://www.unibo.it/Portale/Ateneo/FundRaising/Campagna5permille.htm
Per questo motivo faccio appello alla tua sensibilità e Ti invito a sostenere questa nobile causa indicando nell’apposito riquadro della denuncia dei redditi il codice fiscale dell’Alma Mater Studiorum (80007010376), e compiendo così, senza alcun onere aggiunto, un gesto significativo per l’Ateneo.

L'UNIVERSITA’ DI BOLOGNA (https://www.fondazionealmamater.unibo.it/FAM/FundRaising/5PerMille/5_per_mille.html)
La scelta di destinare il 5x1000 all’Università di Bologna non comporta alcun onere aggiuntivo per il contribuente e non è alternativa a quella dell’8x1000. Per sostenere la ricerca Unibo è sufficiente indicare nel riquadro "Finanziamento agli enti di ricerca scientifica e all’Università" della dichiarazione dei redditi il codice fiscale dell’Alma Mater Studiorum 80007010376.
 

PICCOLI GRANDI CUORI ONLUS BOLOGNA
https://www.piccoligrandicuori.it/ Piccoli Grandi Cuori Onlus nasce a Bologna nel 1997 fondata da genitori e volontari uniti dal comune obiettivo di aiutare le famiglie ed i bambini portatori di cardiopatie congenite ricoverati nel reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e dell’Età Evolutiva del Policlinico Universitario S. Orsola-Malpighi a Bologna, e con la finalità di garantire loro un futuro migliore tutelandone i diritti di assistenza, di integrazione scolastica, sociale e lavorativa.

UILDM Lotta distrofia muscolare (https://www.uildmbo.org/sostienici/il-5-x-1000-alla-uildm-bologna) La Legge finanziaria ripropone la possibilità per i contribuenti di versare il 5 per mille dell’IRPEF ad associazioni come la nostra. In sede di redazione annuale della dichiarazione dei redditi, potrà quindi destinare alla nostra Associazione,  questa parte delle imposte che comunque deve all’Erario. Devolvere il 5 per 1000 non costa nulla.  Sarà sufficiente annotare nell’apposita casella dei Modello CUD o 730 o Unico l’indicazione del nostro codice fiscale 92028640370.

LILIT – LOTTA TUMORI
https://www.legatumoribologna.it/5x1000-buone-ragioni
5x1000 Buone Ragioni
Una firma per aiutare la LILT a proteggere la salute dei cittadini, attraverso la diagnosi precoce e la prevenzione dei tumori!
Destinando alla LILT Sezione Provinciale di Bologna il cinque per mille dell’IRPEF sosterrai i progetti di prevenzione e diagnosi precoce dei tumori contribuendo concretamente alla lotta contro i tumori. Come fare?  E’ sufficiente firmare nella categoria “Associazioni” e scrivere il nostro Codice Fiscale: 92049200378

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento