Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Lavoro in Emilia Romagna: primi mesi 2013, tasso di disoccupazione mai registrato

I primi mesi del 2013 sono tutti in negativo: disoccupazione a livello record, part time involontario e aumento delle ore di cassa integrazione

Emilia-Romagna dinamica e operosa, ma non nel 2013. Secondo quanto riporta l'agenzia Dire, gli indicatori economici sono tutti con il segno meno:  nei primi tre mesi dell'anno la disoccupazione occupazione ha toccato il livello record del 9,4%. "Un tasso mai visto dal '93, da quando sono disponibili rilevazioni comparabili su base regionale", secondo Eliana Viviano, ricercatrice della sede della Banca d'Italia di Bologna, che fa il punto sull'economia emiliano-romagnola.

La percentuale di disoccupati aveva già raggiunto il suo picco nel 2012, quando il tasso medio annuo al 7,1%, e un record del 17,4% per i giovani con meno di 30 anni. "L'aumento della disoccupazione è dovuto alla forte contrazione della domanda di lavoro - spiega Viviano- le imprese non assumono". In sensibile calo anche il numero degli occupati, che a marzo ha segnato una battuta d'arresto del 2%, quando per tutto il 2012 la riduzione media era stata dello 0,5%.

Bankitalia fa inoltre notare che nel corso dell'ultimo anno si sono ulteriormente diffusi i casi di part-time involontario: 25.000 persone che lavorano meno di quando desidererebbero, il doppio rispetto al 2008. Intanto, le ore autorizzate di cassa integrazione sono aumentate del 16% rispetto al 2011. Il calo dell'occupazione si è concentrato nell'industria (-3,9%), mentre nei servizi si registra un lieve aumento (+0,9%).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro in Emilia Romagna: primi mesi 2013, tasso di disoccupazione mai registrato

BolognaToday è in caricamento