rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Economia

Eima, in Fiera si assapora il futuro: ecco l'intelligenza artificiale nei robot targati Zcs

La presentazione delle ultime innovazioni durante la fiera internazionale dell'agricoltura e del giardinaggio

Il futuro dell'agricoltura e del giardinaggio è l'intelligenza artificiale. Lo sa bene l'azienda Zucchetti Centro Sistemi che in occasione della fiera EIMA International, in fiera dal 19 al 23 Ottobreha presentato la nuovissima generazione di robot rasaerba che si prende cura di ogni tipo di giardino, in autonomia e sicurezza. 

"Non c’era palcoscenico migliore, tra l'altro finalmente in presenza, per presentare le nostre novità", ha detto Ilaria Nesti, Marketing Manager di Zcs, aprendo il panel dal titolo  'La rivoluzione AI nella robotica da giardinaggio - Ongoing Evolution'.

Si tratta di una macchina da un lato basata su sensori radar e dall'altro sull'intelligenza artificiale che, senza bisogno di installazione, si programma con un'app. Una novità importante che rivoluziona il mondo del giardinaggio visto che, grazie alla nuova tecnologia, sparisce ogni cavo perimetrale.

Venerdì 22 Ottobre alle 12, con una diretta live sui canal Social Ambrogio robot (Facebook e Youtube), sarà presentato anche il nuovo robot Twenty ZR con Intelligenza Artificiale a bordo e sensoristica radar integrata.

IMG_7171-2

La novità

La tecnologia ZR presenta l’integrazione tra l’intelligenza artificiale e la sensoristica radar. Un sistema avanzato che permette di evitare la bordatura dell’area da rasare consentendo una configurazione semplice ed immediata del robot. 

Ambrogio Twenty ZR è un tagliaerba completamente automatico, semplice, compatto, leggero, potente, veloce che non necessita di installazione del  filo perimetrale,  perché in grado di mappare da solo il giardino ed imparare a gestire l’area  da coprire. L’introduzione di questa tecnologia porta con sé vantaggi sia per il rivenditore che per l’utente finale. Nessuna installazione del filo perimetrale significa ridurre gli interventi sul giardino da parte del professionisti. Per l’utente finale si traduce in risparmio di costi e facilità di utilizzo.

Una tecnologia quindi destinata a rivoluzionare la robotica da giardinaggio: robot ipertecnologici, affidabili, personalizzabili ed estremamente user-friendly, perfetti per gli amanti del giardinaggio e del fai-da-te.

La gamma 2022 si completa con macchine speciali, una nuova linea Off road, destinata alla gestione di giardini irregolari e con forti dislivelli.

Il modello QUAD Elite è progettato per pendenze fino al 75%.  Grazie alle sue 4 ruote motrici sterzanti elettricamente e alla batteria da 10 Ah, il QUAD  riesce a gestire salite e dossi estremamente ripidi e lavora in modo performante anche sul bordo del giardino in pendenza. Le dimensioni compatte e la forma squadrata rendono i movimenti del robot gradevoli su ogni tipo di terreno. Anche il QUAD è dotato di uno speciale sensore radar che permette al robot di apprendere dove sono posizionati gli ostacoli in giardino, sia fissi che mobili, senza la necessità di delimitare l’area con del filo perimetrale. 

Infine, la linea Twenty della NEXT line è stata ulteriormente arricchita con i modelli Twenty25 e Twenty29: robot compatti ed efficienti, in grado di gestire aree verdi medio grandi e dotati delle più innovative tecnologie. I 2 modelli presentano motori brushless,  potenti batterie e  lama da  25 o 29 cm che permettono al robot di gestire aree fino a 3.500 m2 (per il modello Twenty29).

Da oltre 20 anni la gamma Ambrogio  robot rasaerba è in costante evoluzione; ZCS è stata pioniere della robotica da giardinaggio e oggi continua ad essere orgogliosamente precursore nell’adozione di tecnologie innovative che stravolgono le abitudini e migliorano le prestazioni.

La storia

Zucchetti Centro Sistemi (ZCS) nasce nel 1985 da un’iniziativa imprenditoriale del Cav. Lav.  Fabrizio Bernini, oggi azionista e Presidente dell’azienda. Le buone capacità dell’imprenditore di cogliere in anticipo i segnali di cambiamento nelle esigenze del mercato hanno permesso negli anni a ZCS di trasformarsi da microimpresa familiare specializzata in software in una realtà manageriale multi business proiettata nei mercati internazionali. Nel 2000 l’azienda entra a fare parte del gruppo Zucchetti SpA, la prima azienda italiana di software, che registra un consolidato di oltre 1 miliardo di Euro, oltre 7.000 persone e 700.000 clienti (dati 2020).

ZCS, situata in Valdarno, nel cuore della Toscana e dislocata su tre building (Palazzo delle Idee, Palazzo della Tecnologia  e Palazzo dell’Innovazione), ma con uffici decentrati in Emilia (Parma) in Sardegna (Sassari, Nuoro e Cagliari) e a Perugia, oltre ad aziende collegate nella zona tirrenica della Toscana, in Piemonte ed in Lombardia. ZCS è articolata oggi in cinque Business Units (software, automazione, sanità, robotica ed energie rinnovabili) che nascono dall'esigenza di diversificare ed estendere il know how accumulato nella progettazione di software gestionali ad ambiti diversi e complementari, con l’obiettivo di fornire l’eccellenza tecnologica nell’ambito della IT, della digitalizzazione e della meccatronica.

ZCS, pioniera in ambito tecnologico, coglie le potenzialità delle tecnologie digitali e le introduce nei propri prodotti, soluzioni e  processi interni. 

Le soluzioni brandizzate ZCS parlano la lingua del futuro; rivolte a mercati diversi, sono connesse da fattori digitali comuni come l’utilizzo del Cloud, della tecnologia IoT (Internet of Things), Big Data ed Intelligenza Artificiale. Il valore aggiunto è nella capacità di integrare le innovazioni digitali nelle macchine, nei device elettronici, nei robot trasformandoli in oggetti “intelligenti” in grado di interagire con l’uomo e fornire dati ed informazioni utili per migliorare e semplificare la quotidianità del cliente. 

Innovazione quindi come cultura: il coraggio di pensare e realizzare un prodotto finora inesistente, ma che può rappresentare una soluzione per il domani, nel rispetto della salute e della sicurezza dell’uomo e dell’ambiente.

Idee e progetti vengono sviluppati in autonomia, funzionali a tutte le divisioni aziendali, all’interno del “Laboratorio delle Idee (Idealab)” , la vera forza motrice del settore Ricerca & Sviluppo, nato nel 2005 e composto da  40 giovani ricercatori, ingegneri meccanici, elettronici, informatici e designer, altamente qualificati.

Le idee trasformate in vere e proprie soluzioni vengono sviluppate,coniugando know-how e creatività  per i diversi ambiti di mercato, all’insegna  della salute e sicurezza, tracciabilità e controllo, della velocità e mobilità, della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eima, in Fiera si assapora il futuro: ecco l'intelligenza artificiale nei robot targati Zcs

BolognaToday è in caricamento