L'Emilia-Romagna cresce più in fretta: prima regione anche nel 2017

Ciclo positivo per investimenti ed esportazioni. Torna il segno + per il settore costruzioni, tirano i servizi, in crescita l’industria. Bene anche l'occupazione

E' stata rivista all’1,4% la stima dell’aumento del prodotto interno lordo per l’Emilia-Romagna che si prospetta prima regione per crescita anche nel 2017.

Ciclo positivo anche per gli investimenti e le esportazioni. Torna il segno + per il settore costruzioni, tirano i servizi, in crescita l’industria. Lo rovela l’ultima edizione degli Scenari per le economie locali di Prometeia analizzati da Unioncamere Emilia-Romagna. La stima è superiore all’1,2 per cento previsto a livello nazionale. L’Emilia-Romagna si conferma la prima regione italiana per ritmo di crescita nel 2017, insieme al Veneto, con alle spalle la Lombardia.

I SETTORI. Nel 2017 il valore aggiunto regionale sarà trainato dalla ripresa delle costruzioni (+1,9 per cento), supportato da un’accelerazione della crescita del settore dei servizi (+1,4 per cento), mentre prosegue contenuta la ripresa del settore industriale (+1,0 per cento). Le attese sono per un’accelerazione della crescita nelle costruzioni (+2,6 per cento) e nell’industria (+1,7 per cento), a fronte di un rallentamento nei servizi (+0,9 per cento). 

IL MERCATO DEL LAVORO. Nel 2017 la crescita degli occupati (+1,8 per cento) supera ampiamente quella delle forze lavoro (+0,4 per cento), a sua volta superiore a quella della popolazione. Aumenta quindi il tasso di attività, ma soprattutto quello di occupazione, che sale al 45,2 per cento, mentre si riduce decisamente la disoccupazione (5,6 per cento).
Le indicazioni per il 2018 prospettano una crescita delle forze di lavoro e degli occupati pressoché analoghe, con solo una marginale riduzione della disoccupazione (5,5 per cento).

Secondo la previsione di luglio, nel 2017 la crescita del prodotto mondiale dovrebbe salire al 3,3 per cento, grazie all’accelerazione della crescita delle economie emergenti (+4,3 per cento) e dell’Area dell’euro (+1,9 per cento), Il Pil aumenterà dell’1,9 per cento in Germania e dell’1,5 per cento in Francia, valori ai quali la crescita regionale si avvicina. Rallenta la crescita dei consumi (+1,4 per cento) che si allinea a quella del Pil, il ciclo positivo degli investimenti prosegue ad un ritmo più contenuto (+2,3 per cento) e con la crescita europea e la ripresa del commercio mondiale aumentano le esportazioni (+3,0 per cento). Le attese per il 2018 sono orientate a un lieve rallentamento della crescita (+1,4 per cento).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento