menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estetica e motori, binomio sempre più legato

Anche l'occhio vuole la sua parte, dice un vecchio proverbio. E ci sono campi della nostra vita quotidiana in cui questa massima assume ancora più valore, come nel comparto dei motori: l'estetica è infatti uno dei primi aspetti che valutiamo quando guardiamo un'auto, e non a caso le supercar da sogno sono anche le vetture che sono realizzate secondo precisi studi di design elevato

Dalla scocca alle gomme, anche gli pneumatici negli ultimi anni stanno vivendo una fase di rivoluzione per seguire il gusto delle persone e le richieste del mercato, come dimostra la "sartorialità" annunciata dalla Pirelli per le sue Pirelli Pzero di lusso. Oltre ai fattori di indice di velocità, comportamento sul bagnato, comfort, resistenza al rotolamento, spazio di frenata e, in generale, alle caratteristiche tecniche che assicurano una marcia adeguata e soprattutto sicura, l'automobilista odierno non trascura il semplice piacere estetico, rivolgendo la sua attenzione alle gomme che riescono a combinare le varie peculiarità.

In realtà, non è del tutto una "moda" moderna, perché già in passato alcuni pneumatici speciali sono entrati nel mito del bello, come ad esempio gli storici Firestone Sports Car 200 calzati dalla Chevrolet Camaro di prima generazione; eppure, guardando le vetrine online dei principali rivenditori del settore, come euroimportpneumatici.com, si nota immediatamente come tutte le principali marche stiano tentando di alzare l’asticella della qualità delle performance e dell’estetica dei propri prodotti, dalla citata Pirelli alla Michelin, dalla Continental alla Goodyer.

Questo discorso diventa estremamente visibile durante le fiere dedicate alle vetture, come l'ormai immancabile Motor Show di Bologna, che raggiunge quota 40 edizioni. Anche quest'anno, dal 3 all'11 dicembre, negli spazi di Bologna Fiere sarà possibile vivere in prima persona le emozioni che arrivano dal rombo dei motori più innovativi, ma anche riscoprire le belle auto del passato, stupirsi di fronte alle nuove soluzioni tecnologiche e fare un tuffo nel futuro della circolazione su strada.

E proprio verso il domani sembra proiettato il prototipo di auto realizzato dalla nota maison di orologi di lusso Bell & Ross, che come possiamo vedere anche dal blog di orologi RecensioniOrologi.it, ha voluto affascinare i partecipanti alla fiera di orologi più importante del mondo, la Baselworld. Lo stand della Casa francese, infatti, ha ospitato una lussuosa e a dir poco futuristica concept car, denominata Aero GT e creata come ispirazione per le linee e il design di alcuni orologi sportivi prodotti dal duo Bruno Belamich e Carlos A. Rosillo. I dati tecnici di questo "esercizio di stile" dei designer francesi sono davvero impressionanti: la supercar infatti è realizzata in monoscocca in fibra di carbonio e con pannelli in fibra di carbonio e alluminio, è lunga 4.696 mm e larga 2.072 mm, ma è alta appena 1090 mm e ha un passo di 2.884 mm; sulla carta, inoltre, potrebbe essere dotata di un motore V8 4.2 litri biturbo da posizionare in posizione centrale, in grado di offrire una potenza totale di circa 619 CV, con un sistema di cambio automatico a 8 marce che la potrebbe spingere fino a raggiungere i 315 km/h, con passaggio da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi. Altrettanto notevoli sono anche le scelte per quanto riguarda le ruote, con cerchi in lega di alluminio da 20" e pneumatici di dimensione 245/35 davanti e 305/30 al posteriore; la frenata è assicurata da freni in ceramica con pinze a sei pistoncini. Unico neo, al momento non è prevista la produzione effettiva, ma non è detto che qualche appassionato (e facoltoso) collezionista non decida di richiederne un esemplare vero.

Questo 2016 segna dunque un cambio di passo per la Bell & Ross, che ha deciso di fare un ingresso anche nel campo dei motori; d'altra parte, proprio all'inizio del Mondiale di Formula 1 una delle principali novità nell'ambito delle sponsorizzazioni è stata proprio la presenza della maison francese ai box in qualità di Official Partner del Team Renault Sport Formula One, una partnership che ha portato anche alla realizzazione di un cronografo automatico con i colori del team che vede come piloti Jolyon Palmer e Kevin Magnussen.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento