menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evasione, maxi inchiesta nel calcio: sequestri della Finanza anche a Bologna

L'inchiesta infatti coinvolgerebbe anche l'attuale direttore sportivo del Bologna FC, Pantaleo Corvino, ma per vicende precedenti al suo arrivo in Emilia. La società rossoblu non è implicata

Nuovo terremoto nel mondo del calcio per presunte evasioni fiscali e false fatturazioni: oggi la guardia di finanza ha eseguito un decreto di perquisizione e sequestro nei confronti di 64 persone, tra cui massimi dirigenti, calciatori e procuratori di squadre di calcio di serie A e B.

L’indagine arriva fin sotto le Due Torri, anche qui in queste ore sono in corso sequestri da parte del nucleo di polizia tributaria. L'inchiesta infatti coinvolgerebbe anche l'attuale direttore sportivo del Bologna FC, Pantaleo Corvino, ma per vicende precedenti al suo arrivo in Emilia. La società rossoblu non è toccata dai provvedimenti in esecuzione. 

LA MAXI-INCHIESTA. L'ipotesi di reato è evasione fiscale e false fatturazioni. L'inchiesta, ‘fuorigioco’, che ha portato al sequestro di beni per circa dodici milioni, è condotta dai pm della procura di Napoli. L'indagine era partita nel 2012 ipotizzando delle presunte violazioni fiscali commesse sia dalle società che dai procuratori e dai calciatori nell'ambito di operazioni di acquisto e cessione dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori stessi. Nel contesto delle operazioni commerciali sulla compravendita dei calciatori emerge, secondo il procuratore aggiunto di Napoli, "un radicato sistema finalizzato ad evadere le imposte".

I destinatari del provvedimento,si sarebbero resi responsabili, secondo l'ipotesi investigativa, "in maniera sistematica di reati tributari, mediante condotte fraudolente esclusivamente finalizzate a evadere il fisco". Il blitz delle Fiamme gialle ha consentito di accertare "l'esistenza di un radicato sistema finalizzato ad evadere le imposte" posto in essere da 35 società calcistiche di serie A e B nonché - informa una nota del procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli - da oltre un centinaio di persone fisiche, tra calciatori e loro procuratori". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento