rotate-mobile
Economia

Ex Breda, Fiom: 'Fallimento scongiurato, ma la strada è ancora lunga'

IL numero uno delle tute blu della Cgil annuncia da Roma la schiarita: linee di credito fino a novembre e tempi tecnici per gli stipendi

Ci sono segnali di schiarita al tavolo che a Roma sta provando a scongiurare il fallimento di Iia, che ha in pancia lo stabilimento di quella che una volta era la Bredamenarini. Alla discussione hanno partecipato i delegati Fiom, rapresentanti del governo e dell'azienda di Del Rosso. Da stamane la discussione sulla vertenza va avanti, intorno a metà mattina l'interruzione per aspettare il verdetto del Cda di Industria Italiana Autobus, dove all'ordine del giorno poteva esserci la decisione di liquidare l'azienda.

Dai banchi del Mise arriva invece una schiarita: "Scongiurato il fallimento" annuncia su Facebook il segretario della Fiom-Cgil dell'Emilia-Romagna, Bruno Papignani. aggiungendo che da Roma arrivano anche "tempi tecnici per il pagamento degli stipendi. Linea di credito fino a novembre. Tavoli Specifici a partire dalle prossime settimane sui nuovi assetti societari e occupazione...".

Insomma, tira le somme Papignani, "il percorso è ancora lungo, ma oggi c'è un risultato importante e forse inaspettato. Un passo per volta". Nel dirlo, Papignani ringrazia "tutti i lavoratori" ed esprime "soddisfazione per l'atteggiamento del Governo. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo primo risultato".

Sia il governatore dell'Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, sia il sindaco di Bologna, Virginio Merola, lo ritengono un "paso in avanti" ed esprimono con cauta soddisfazione: "Intanto mi sembra importante aver garantito lo stipendio ai lavoratori - ha detto Merola ai cronisti - ed è importante assumere degli impegni, mettendoli nero su bianco in modo da affrontare questa vicenda con ordine, uscendo dalla logica delle dichiarazioni contrapposte. Mi sembra un risultato positivo". Anche per Bonaccini, che sta seguendo la vicenda anche dalla missione istituzionale in California, quello raggiunto oggi a Roma è un "primo passo importante. Finalmente un segnale positivo per i lavoratori per il quale, insieme a loro e ai sindacati, al Comune e a tutta la città di Bologna ci siamo battuti. E' sicuramente positivo che sia stato scongiurato il fallimento- afferma il presidente in una nota- i sacrifici sostenuti dai lavoratori in tutti questi mesi di lotta non possono essere vanificati".
Adesso, aggiunge dunque Bonaccini, "serve una soluzione strutturale: una seria ricapitalizzazione che rafforzi la struttura societaria con investitori credibili, che poggi su un serio piano industriale per il rilancio produttivo e la tutela di tutti i posti di lavoro. Ora bisogna fare quel salto di qualità che da tempo invochiamo". La Regione, assicura il governatore, "c'è ed è pronta a sostenere il rilancio produttivo dell'azienda con risorse e strumenti propri, gà' collaudati nel tempo per altre crisi e trasformazioni aziendali". Per questo, insiste Bonaccini, è necessario che "il Governo convochi il tavolo e avanzi una proposta credibile e condivisa con i lavoratori. Noi faremo la nostra parte".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Breda, Fiom: 'Fallimento scongiurato, ma la strada è ancora lunga'

BolognaToday è in caricamento