menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Export, report Confartigianato: "In Emilia-Romagna: persi circa 5,5 miliardi di euro"

Ben cinque province con perdite a due cifre. Dato positivo delle esportazioni verso la Cina

Mobili e prodotti alimentari sono gli unici settori che in qualche modo hanno tenuto sul fronte export in Emilia-Romagna. Con segno meno tutti gli altri: manifattura, tessili, articoli in pelle e abbigliamento. Lo rivela il Centro studi di Confartigianato Emilia-Romagna che ha prodotto un’analisi su come la pandemia abbia influito sulle esportazioni delle piccole e medie imprese emiliano-romagnole.

Lo studio dimostra come a fronte di una media regionale del -8,4%, vi sono ben cinque province con perdite a due cifre: Forlì-Cesena: -10,4%, Reggio Emilia: -11,2%, Ravenna: -13.1%, Rimini: -15,3%, Ferrara: -18,2%.

Se il dato 2019 chiudeva con un fatturato di 65 miliardi di euro, nel 2020 il calo è stato di quasi 5,5 miliardi. per un totale annuo pari a 59,6 miliardi. Un -8,4% suddiviso in proporzione sui mercati UE ed extra UE.

“E’ chiaro da questi numeri che, pur in presenza di alcuni segnali positivi, non sarà facile recuperare le posizioni e i fatturati persi in questo periodo. Servono interventi strutturali urgenti per rilanciare i settori di punta del made in Italy nel mondo e per riposizionare le nostre imprese sui mercati internazionali in una logica di filiera. La ripresa e lo sviluppo non possono che essere trainati da formazione, ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico in una logica di sostenibilità ambientale, economica e sociale”, dichiara il presidente Servadei.

"Se escludiamo il settore dei mobili e dei prodotti alimentari tutto il resto viaggia con il segno meno"

“Gran parte del made in Italy paga un pesante dazio sul fronte della crisi dovuta ad una pandemia che si sta trascinando da oltre un anno – sottolinea Davide Servadei, presidente Confartigianato Emilia-Romagna -. Se escludiamo il settore dei mobili e dei prodotti alimentari tutto il resto viaggia con il segno meno. Siamo preoccupati perché abbiamo dei territori con perdite ben superiori al 10% per arrivare al -18,2% del ferrarese. A maggior ragione se teniamo conto che sono questi i settori, in particolare food, moda, legno e mobili, prodotti in metallo, gioielleria e occhialeria, nei quali l’occupazione nelle micro e piccole imprese supera il 60%”.

I settori più colpiti

Perdite oltre il 10% per i prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature), computer e prodotti di elettronica e ottica, articoli in pelle, articoli di abbigliamento, prodotti della metallurgia.

A parziale compensazione vi è però il dato positivo delle esportazioni verso la Cina. Se consideriamo che verso quel paese viaggia il 3,6% del totale export manifatturiero made in Emilia-Romagna (3,2% tenendo conto solo delle Mpi), nel 2020 vi è stato un +5,1% rispetto al 2019. Che arriva al +10,3% se si considera il totale export dei settori a maggioranza Mpi made in Emilia-Romagna.

Bonaccini non esclude la zona arancione. "Il prossimo decreto per le imprese più colpite"

Confesercenti chiede aiuto al presidente Mattarella. "In Emilia-Romagna 13mila posti di lavoro a rischio"

Unioncamere E-R: "Negozi, nel 2020 peggior risultato da 7 anni"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento