menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidio di oggi

Il presidio di oggi

Esuberi Fiera, incontro fiume dirigenza-sindacati: arriva lo stop alla mobilità

Dopo 5 ore, con i lavoratori in presidio in Strada Maggiore, arriva il verdetto: stop fino a settembre e si riprenderà senza scadenze prefissate e 'con un orizzonte più largo'

Incontro fiume questa mattina presso la sede di Confcommercio-Ascom. I rappresentanti sindacali e i dirigenti della Fiera di Bologna si sono nuovamente seduti al tavolo delle trattative per discutere il destino di 123 dipendenti part-time, dopo l'annunciato avvio della procedura di mobilità. 

Dopo 5 ore, con i lavoratori in presidio in Strada Maggiore, arriva il verdetto: stop fino a settembre e si riprenderà senza scadenze prefissate e con un orizzonte più largo, non solo limitato alla riorganizzazione del lavoro nei padiglioni, ma esteso a tutto il piano complessivo di rilancio della società.

"Un atto di responsabilità", da parte del presidente Franco Boni, lo definisce Alessio Festi della segreteria della Cgil di Bologna, spiegando che, invece, sono state respinte al mittente dai rappresentanti dei lavoratori le proposte alternative di esternalizzazione o ricollocazione in altre realta'' dei dipendenti. La procedura di mobilità rimane sospesa. 

I sindacati confederali avevano chiesto ieri in una nota congiunta "un accurato piano industriale. Solo in questo modo si potrà avviare una discussione proficua sulle prospettive di sviluppo del nostro expo" avevano scritto Maurizio Lunghi Segretario generale Cgil Camera del lavoro metropolitana di Bologna, Alessandro Alberani Segretario generale Cisl area metropolitana bolognese e Giuliano Zignani Segretario generale Uil Bologna "BolognaFiere non pensi di sedersi a quel tavolo riproponendo la mobilità dei lavoratori: è impensabile, ancorché inaccettabile, che il rilancio dell’expo lo debbano pagare i lavoratori. Qualora BolognaFiere non fosse  in grado di sottoporre a Cgil, Cisl e Uil un progetto industriale degno di questo nome, di conseguenza noi valuteremo il da farsi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento