menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fisco E-R: 466 evasori totali, 72 mln di fondi pubblici a chi non doveva averli

E' il risultato del principale lavoro della Guardia di finanza nel 2014 in Emilia-Romagna. L'ultimo bilancio, in particolare, dice che i reati tributari portati alla luce sono stati 1.586 con la denuncia di 1.218 soggetti

Oltre 36.000 controlli su scontrini e ricevute fiscali, più di una su quattro le irregolarità. E poi violazioni attorno ai "falsi poveri" per quasi due milioni di euro, così come controlli nell'impiego pubblico dei fondi Ue e degli incentivi nazionali, scoprendo rispettivamente 10 e 62 milioni di risorse indebitamente percepite. E ancora 15 milioni di euro di assegnazioni di appalti pubblici, per la metà irregolari, ma anche lotta agli interessi della criminalità organizzata, con barra dritta sul fronte riciclaggio, e ai traffici illeciti in generale.

È il risultato del principale lavoro della Guardia di finanza nel 2014 in Emilia-Romagna. L'ultimo bilancio operativo annuale del Comando regionale, in particolare, dice che i reati tributari portati alla luce sono stati 1.586 con la denuncia di 1.218 soggetti. L'attività amministrativa eseguita ha riguardato 1.377 verifiche fiscali, 1.626 controlli ed oltre 36.000 indagini strumentali volte ad appurare l'avvenuto rilascio dello scontrino e della ricevuta di turno, a seguito delle quali è stato rilevato il 26% di irregolarità.

Sono stati sequestrati valori e immobili per 18 milioni, ma è stata inoltrata la proposta alle autorità competenti per altri 307. E' stata portata alla luce la posizione di 466 "evasori totali", oltre 200 dei quali in forma societaria, mentre 48 sono stati i fenomeni di "evasione fiscale internazionale". Con riguardo alle violazioni in materia di lavoro, inoltre, sono risultati oltre 1.600 i lavoratori fuori legge, 822 dei quali completamente in nero.

I  reparti dell'Emilia-Romagna hanno anche eseguito 330 interventi di verifica nell'impiego dei fondi Ue, denunciando 189 persone e individuando contributi indebitamente percepiti per oltre 10 milioni. Sull'impiego di "incentivi nazionali" sono stati portati a termine 62 interventi con la denuncia di 113 persone, quattro delle quali arrestate. I contributi indebitamente percepiti hanno superato i 61 milioni di euro, i sequestri hanno raggiunto i 33 milioni di euro.
I controlli negli appalti pubblici hanno riguardato oltre 15 milioni di euro, sette dei quali risultati assegnati irregolarmente con la conseguente denuncia di 28 persone. Gli approfondimenti nel settore dei finanziamenti del servizio sanitario nazionale hanno invece consentito di accertare frodi per circa due milioni (61 denunce).
Le frodi nella "spesa previdenziale" sono risultate pari a 266.000 euro (20). In totale, le azioni investigative nel settore dei reati contro la pubblica amministrazione hanno consentito il sequestro di 97.000 euro e la denuncia di 198 soggetti, 12 dei quali arrestati (tre per peculato e due per concussione). Conclusi altri 241 blitz nel settore delle responsabilità per danni erariali, con la segnalazione di danni per 134 milioni di euro a carico di oltre 2.700 persone. Di queste, ben 2.400 sono risultate occupare indebitamente alloggi destinati all''edilizia residenziale pubblica.

Le verifiche per stanare i "falsi poveri" hanno consentito di accertare violazioni per circa 1,8 milioni di euro, con 389 casi di irregolarità calcolati. Sul fronte del crimine organizzato, le fiamme gialle regionali rendicontano l'approfondimento di 2.388 operazioni finanziarie sospette, con 109 contestazioni.

Sulla circolazione transfrontaliera di denaro sono stati eseguiti 204 interventi, riscontrando 200 violazioni e procedendo al sequestro di 1,8 milioni di euro. Le indagini in materia di riciclaggio sono state 143, con la denuncia di 111 persone, mentre risultano nove gli interventi a contrasto dell''usura, con la denuncia di 26 persone.
Nel settore dei reati fallimentari sono state denunciate 404 persone, accertate distrazioni di patrimoni pari a 5,4 milioni di euro ed eseguiti sequestri per 31,3 milioni. 

agenzia Dire

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento