Filiera abbigliamento 'spezzata', Lombardo: "Difficile anticipare ripartenza negozi di abbigliamento"

Il comune adotta la linea prudenziale: appoggio a richieste avanzate dallo Stato per il supporto del Made in Italy, ma niente fretta di tirare su le saracinesche per evitare "aperture a singhiozzo"

Una filiera 'spezzata' quella dell'abbigliamento perchè "interrotta: da una parte gli operatori all'ingrosso di abbigliamento che possono tornare in attività, dall'altra le saracinesche abbassate dei negozi della vendita al dettaglio". Lo sottolinea  in Question time la consigliera Mirka Cocconcelli  chiedendo un intervento dell'amministrazione su quello che definisce un "black out che evidenzia una mancata conoscenza di questo settore ".

Sul caso interviene l'assessore Lombardo, che pur riconoscenche la chiusura dei negozi "porta evidentemente a un danno dell'intera filiera, perché è evidente che ci sono interconnessioni tra l'apertura dei negozi fisici e le attività del commercio al dettaglio con le attività che si possono svolgere rispetto al commercio all'ingrosso, anche per lo smaltimento dei prodotti in giacenza nei magazzini".

Difronte al danno danno economico che le attività hanno avuto in seguito alla chiusura , Lombardo risposta con delle misure di intervento pubblico: "Ritengo - asserisce l'assessore- debba darsi risposta con delle misure di intervento pubblico per restorare un danno per un rischio che non può essere ascrivibile al normale rischio imprenditoriale, per la natura eccezionale che presenta un caso come quello della pandemia che stiamo attraversando. Ciò significa che le richieste che vengono fatte allo Stato, da un lato per il supporto del Made in Italy in particolare per quel che riguarda i negozi di moda, all'altro per una contribuzione, sia da sostenere"

L'amministrazione però al momento non considera fattibile la proposta di allentare la presa anticipando le aperture per il settore. "Difficile - sottoliena Lombardo - accogliere l'anticipazione della data di partenza dei negozi di abbigliamento prima del 18 maggio, non perché non ci sia la volontà da parte dell'Amministrazione di sostenere la riapertura il prima possibile di tutte le filere, come voi sapete l'attività che abbiamo svolto all'interno del Tavolo metropolitano per la sicurezza serve proprio a cercare intanto di garantire la massima sicurezza possibile per i lavoratori e per gli imprenditori, ma anche per cercare di anticipare le date di ripartenza delle attività, secondo il principio ribadito anche ieri dal Ministro Boccia, sulla apertura differenziata sul territorio regionale".

L'amministrazione intanto monitora quello che sta succedendo nei diversi Paesi e nelle regione limitroferibadendo l'intenzione di non voler "procedere di fretta altrimenti il rischio è quello delle riaperture a singhiozzo, cioè di procedere con aperture e chiusure e io penso che il nostro sistema produttivo ed economico e occupazionale non possa permettersi di procedere con aperture e chiusure a singhiozzo".

In soldoni, se il Comune appoggia le richieste avanzate dallo Stato per il supporto del Made in Italy e per evitare la filiera 'spezzata', soprattutto nell'ambito del commercio trova che ci voglia un "po' più di prudenza" invece nell'anticipare ulteriormente l'apertura dei negozi di abbigliamento al dettaglio. Detto questo - chiosa Lombardo - l'impegno  dell'Amministrazione comunale sarà quello di sostenere le imprese che hanno subito un danno. E' per questo che stiamo aspettando anche il decreto del Governo, proprio per evitare sovrapposizioni e far sì che il sostegno sia cumulativo e non una duplicazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Leggi anche: 

Bollettino Coronavirus Emilia Romagna, 108 nuovi casi: "Epidemia pienamente controllata"

Coronavirus, la situazione a Bologna e provincia: +38 contagi e 8 morti 

Impianti sportivi, la Regione apre ma arriva lo stop del Comune

Coronavirus, il caffè al bar è d'asporto: "Incongruenze, ci vorrebbe più elasticità" | VIDEO

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Come si viaggia in fase 2: a bordo di un autobus Tper a Bologna | VIDEO

Covid-19, 'fase 2': cosa è aperto e cosa resta ancora chiuso

VIDEO | Primo giorno - Fase 2: pomeriggio assolato, pienone ai Giardini

Covid-19, fase 2: ecco il nuovo modello di autocertificazione. Scaricalo qui

Coronavirus, fase 2 anche per gli ospedali: al via le prime prestazioni non urgenti

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento