Granarolo si aggiudica il bando 'latte' nelle scuole nelle Regioni Emilia Romagna e Marche

E’ partito il 18 aprile e finirà con l’anno scolastico la distribuzione di latte, yogurt e Parmigiano Reggiano Granarolo a 206 plessi scolastici di Emilia Romagna e Marche.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Granarolo S.p.A., uno dei principali operatori agro-industriali del Paese a capitale italiano, si aggiudica il bando Latte nelle Scuole per la distribuzione di latte, yogurt e formaggio a pasta dura nelle scuole primarie di Emilia Romagna e Marche. Coinvolti 206 plessi, 36.000 studenti per un totale di 80.000 litri di latte biologico e Alta Qualità di filiera, 408.000 vasetti di yogurt biologico e 143.000 cubetti di Parmigiano Reggiano, distribuiti a merenda. Si aggiungeranno a questi 36.000 studenti i bambini coinvolti nei Latte Days organizzati dalle Camere di Commercio di Ascoli Piceno (18-19 maggio presso Centro Congressi di via Cola D’Amatrice AP) e Bologna (25-26-27 maggio presso FICO Eataly World). In particolare, nelle Marche il 18 e 19 maggio presso il Centro Congressi della Camera di Commercio Ascoli Piceno saranno allestite un'area info-formativa, un’area ludico-educativa e un’area espositiva con degustazioni del latte e suoi derivati per i bambini di tutte le età. Si tratta di un evento di grande importanza che dà forza ad un settore economico rilevante e in crescita nel territorio marchigiano e che, soprattutto, consente di riscoprire il latte, i suoi trasformati e il mondo dell’agricoltura. Venerdì 18 maggio alle 9.30, sempre al Centro Congressi, si svolgerà per il convegno “La linea bianca delle Marche: conoscere e tutelare per valorizzare il latte”. Sabato 26 e domenica 27 maggio i bambini delle scuole elementari dell'Emilia-Romagna che hanno aderito al "Programma Latte nelle scuole" potranno partecipare gratuitamente ai laboratori organizzati dalla Camera di commercio di Bologna a Fico-Eataly World. I bambini impareranno la storia del latte e a trasformare una ciotola di latte in burro, ricotta e formaggio. Il 25 maggio alle 10, sempre a Fico-Eataly World in programma il convegno "Latte italiano valore condiviso fra nutrizione, salute e lavoro". Il Bando Latte nelle scuole a.s.2017-2018, finanziato dall'Unione Europea e realizzato dal Ministero delle Politiche Agricole, è destinato alle scuole primarie italiane e prevede distribuzioni di latte e dei suoi derivati (yogurt e formaggi), laboratori sensoriali, giornate a tema e altre iniziative speciali. Obiettivo: fare educazione al consumo dei prodotti lattiero-caseari e riprendere temi legati alla corretta alimentazione. Il Programma si prefigge di intercettare le finalità della normativa comunitaria che finanzia il costo dell’iniziativa: • promuovere il consumo di latte, yogurt e formaggi; • informare gli studenti e le loro famiglie sulle loro caratteristiche nutrizionali; • creare occasioni di consumo collettivo durante le quali far conoscere, “saggiare e gustare” le diverse varietà e tipologie dei prodotti; • promuovere una corretta alimentazione. Per ogni scuola aderente al Programma Latte nelle scuole è prevista la distribuzione gratuita di: o latte fresco biologico ad alta pastorizzazione Granarolo o yogurt biologico Granarolo o Parmigiano Reggiano Granarolo. Tali distribuzioni avverranno secondo un calendario comunicato alle scuole stesse. Gli studenti consumeranno questi prodotti nel corso della merenda mattutina. Il Programma coinvolge anche gli insegnanti e le famiglie, in modo tale che il processo di educazione alimentare avviato a scuola continui anche in ambito familiare. Saranno a tal proposito organizzate specifiche iniziative informative (depliant, attività curate dal C.R.E.A. e altri eventi speciali, con attività esperienziali per le famiglie e i bambini, curati da Unioncamere e Camere di Commercio). Informazioni sul Programma sono disponibili sul sito www.lattenellescuole.it Le distribuzioni regolari Sono 22 distribuzioni di prodotti lattiero-caseari per alunno, così suddivise. o n. 11 distribuzioni di latte fresco biologico alta pastorizzazione (porzione minima per alunno 125 ml.), o n. 7 distribuzioni di yogurt biologico (porzione per alunno da 125 gr.), o n. 4 distribuzioni di formaggio a pasta dura (porzione minima per alunno 28 gr.). Le distribuzioni speciali Sono distribuzioni multiple di prodotti lattiero-caseari e di frutta (mele) a cui sono abbinate alcune delle misure educative di accompagnamento previste dal Programma “Latte nelle scuole”. Le misure di accompagnamento sono attività didattico-educative e/o ludiche, nello specifico consistono in un laboratorio sensoriale “del gusto” gestito dall’insegnante attraverso materiale creato ad hoc (scheda di degustazione e piramide alimentare) Il latte è una fonte preziosa e per certi versi unica di nutrienti perché è la prima fonte di calcio della dieta italiana, con un corredo di acqua, proteine di eccellente valore biologico, zuccheri e grassi in percentuale equilibrata, vitamine (soprattutto del gruppo B), e altri minerali tra cui potassio, fosforo e zinco. Eppure i consumi sono in calo a causa di tanti fattori, primo fra tutti un cambio delle abitudini alimentari con relativo salto del momento della colazione, fondamentale per i ragazzi. Il bando si pone dunque l’obiettivo di riavvicinare i bambini al latte e di parlare di sana ed equilibrata alimentazione evidenziando il ruolo del latte e dei suoi derivati, preziosi alleati contro l’obesità infantile. Granarolo ha partecipato al Bando perché impegnata da tempo nel promuovere questi messaggi. Al suo fianco una realtà che da sempre si occupa di attività con le scuole, la cooperativa Alimos che da più di dieci anni sviluppa progetti con focus sul cambiamento delle abitudini alimentari. Grazie ai fondi stanziati dall’UE (la prima annualità del progetto Frutta e Verdura nelle scuole risale al 2008/2009) e alla grande attenzione che le istituzioni preposte stanno dedicando al tema, qualcosa sta mutando. Infatti, in meno di dieci anni l’eccesso ponderale (sovrappeso più obesità) dei bambini fra gli otto e i nove anni (dati Okkio alla Salute) è diminuito del 13% (passando da 35,2% nel 2008/2009 a 30,6% nel 2016). Gli indicatori sembrano quindi dimostrare che siamo sulla strada giusta.

Torna su
BolognaToday è in caricamento