Al via 'Io compro a Ozzano': il progetto che premia chi spende in paese

L'obiettivo del progetto è promuovere delle positive azioni di sostegno alle famiglie in difficoltà economica sostenendo, al contempo, le attività commerciali ed artigianali del territorio

"E' fuori discussione che l’emergenza sanitaria da Covid-19, che tra l'altro non accenna ad arrestarsi, ha cambiato le nostre vite e le nostre abitudini quotidiane. Ci siamo dovuti adattare a diversi stili di vita che comportano il rispetto di regole molto restrittive che stanno condizionando le nostre scelte e soprattutto le nostre priorità. Tutto questo ha anche dei riflessi pesanti sulle attività economiche quali negozi, artigiani, laboratori che stanno affrontando una crisi economica che non ha precedenti nella storia recente del nostro paese. Il rischio concreto e' quello di avere un tessuto economico fragile che si riverserà sulle famiglie".  A parlare è il sindaco di Ozzano Luca Lelli, e per far fronte a questa situazione, il Comune ha avviato un progetto importante, che punta a dare un vero supporto.

L'amministrazione comunale infatti,  ha deciso, avvalendosi della collaborazione della Proloco locale, di dare vita al progetto “IO COMPRO A OZZANO” : l'obiettivo è promuovere delle positive azioni di sostegno alle famiglie in difficoltà economica sostenendo, al contempo, le attività commerciali ed artigianali del territorio. L’Amministrazione  ha creato un fondo di 25mila euro da destinare al progetto che verrà utilizzato per erogare, ai cittadini aventi i requisiti richiesti un contributo economico spendibile nelle attività economiche del territorio che aderiranno al progetto. 

Come funziona

  • Fra i requisiti richiesti vi sono il fatto di essere residenti nel Comune di Ozzano
  • il nucleo familiare deve avere un ISEE in corso di validità fino a 35.000,00 euro
  • Fra i requisiti anche che almeno un componente si trovi in una situazione di disabilità o sia ultrasettantenne, oppure che siano presenti due figli senza reddito, o che si tratti  di un nucleo familiare che ha perso l'unica fonte di reddito a seguito dell'emergenza da coronavirus. 

Il contributo

Il contributo verrà erogato sotto forma di buoni di acquisto da spendere nelle attività commerciali del territorio che hanno aderito all’iniziativa. L’elenco di tali attività sarà reso noto attraverso i canali istituzionali del Comune entro il mese di ottobre 2020. Il valore complessivo dei buoni sarà pari al 10% del totale degli acquisti effettuati nel periodo dal 1 novembre 2020 al 6 gennaio 2021, così come risultante dalla somma degli scontrini (o altra documentazione fiscale) che verranno allegati alla richiesta di contributo purché sia raggiunto almeno un importo di euro 400,00 e non oltre 1.200,00. euro.

Regolamento

L'importo di ogni singolo scontrino non potrà essere superiore ad euro 150,00. In caso di scontrini di importo superiore gli stessi saranno accettati ma verranno computati solo fino al tetto massimale indicato. Non saranno computate tra le spese ammissibili quelle relative ad acquisti di giochi in denaro, tabacchi ed alcolici.

Il valore massimo del buono erogabile per ogni nucleo familiare ammonta a euro 120. I buoni saranno erogati sino ad esaurimento delle risorse disponibili e qualora la somma complessiva da erogare a titolo di contributo fosse superiore alla somma resa disponibile dall’Amministrazione Comunale, l’erogazione dei buoni sarà effettuata tenendo conto della data di presentazione della richiesta,
così come risultante dalla ricevuta di presentazione all’Ufficio URP (Protocollo) dell’Ente. 

Le richieste di contributo dei soggetti interessati potranno essere presentate dal 7 gennaio 2021 al 22 gennaio 2021 direttamente all'Ufficio URP (Protocollo) del Comune di Ozzano dell’Emilia (farà fede la data e l'ora di consegna risultante dalla ricevuta di accettazione). I beneficiari dei buoni potranno spenderli presso i negozi del territorio aderenti entro il  3 aprile 2021.

"Non ci vogliamo assumere la paternità di questo progetto - conclude Lelli -  in quanto ci siamo ispirati ad analogo progetto promosso tempo fa dal Comune di Malalbergo e chiamato "IO COMPRO SOTTO CASA". Noi abbiamo voluto renderlo piu' attinente al nostro territorio e lo abbiamo intitolato "IO COMPRO A OZZANO" ma lo spirito e le finalità rimangono le stesse. Ringrazio pubblicamente il collega Sindaco di Malalbergo per la brillante idea di questo progetto e per la grande  disponibilità dimostrata nei nostri confronti per illustrarci le modalità operative del progetto.  Purtroppo le risorse che abbiamo potuto investire in questo progetto non sono tante, 25 mila euro, avremmo voluto poter fare di piu' ma in questo periodo sono tanti i settori in difficoltà ed i servizi a cui l'Amministrazione comunale deve far fronte. E' un piccolo segnale ma importante che vuole legare ancora di piu' i cittadini al proprio territorio. Comprate a Ozzano, comprate sotto casa e sarete premiati."

"Mi associo al sindaco Lelli - afferma l'assessore alle attività produttive Claudio Garagnani - nel ringraziare il Comune di Malalbergo per il sostegno che ci ha dato. Personalmente ho creduto in questo progetto fin dall'inizio e ci ho lavorato molto insieme a Proloco e ai commercianti di Ozzano. Spero che le famiglie ozzanesi apprezzino lo sforzo fatto e rispondano in termini positivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento