Philip Morris, da Fda ok a vendita IQOS come prodotto del tabacco "a rischio modificato"

"La decisione della Fda è una pietra miliare per la salute pubblica" , sottolinea l'azienda, che a Bologna ha uno stabilimento che produce appunto gli stick di tabacco da utilizzare insieme ad IQOS, destinati al mercato americano

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha autorizzato oggi la commercializzazione del sistema IQOS di Philip Morris Producs S.A. come prodotto del tabacco "a rischio modificato" (MRTPs). Nel rilasciare l’autorizzazione, l’agenzia ha rilevato che riconoscere ad IQOS la possibilità di essere commercializzato con la dicitura di prodotto “ad esposizione modificata” sia appropriato per la tutela della salute pubblica. Il pronunciamento segue la decisione presa dalla stessa FDA nell’aprile del 2019 che ne aveva autorizzato la commercializzazione negli Stati Uniti (senza l'indicazione sul rischio modificato, ndr). 

L’FDA ha in ogni caso precisato che ciò non significa che IQOS sia privo di rischi né "approvato dalla Fda".

"La decisione della FDA è una pietra miliare per la salute pubblica", che ha "riconosciuto come il sistema IQOS riscalda il tabacco ma non lo brucia ciò riduce significativamente la produzione di sostanze chimiche dannose e potenzialmente dannose", si legge in una nota della Philip Morris - che a Bologna detiene uno stabilimento che produce appunto gli stick di tabacco da utilizzare insieme ad IQOS, destinati al mercato americano.

“L’autorizzazione della FDA conferma che IQOS è un prodotto fondamentalmente diverso dalle sigarette" - sottolinea Marco Hannappel, Presidente e AD di Philip Morris Italia, aggiungendo che "gli studi scientifici dimostrano che il passaggio completo a questo prodotto riduce l’esposizione a sostanze chimiche dannose o potenzialmente dannose. Si tratta di una decisione storica che conferma come la nostra strategia di sostituire completamente le sigarette con prodotti senza combustione, per i fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare, va nella direzione di tutelare la salute pubblica nel suo complesso. La decisione dell’FDA ci rende ancora più orgogliosi perché frutto anche dell’eccellenza del nostro stabilimento di Bologna, i cui processi produttivi sono stati oggetto di analisi da parte degli esperti FDA e perché proprio a Bologna, oggi, vengono prodotti gli stick di tabacco da utilizzare insieme ad IQOS, destinati al mercato americano.”

“Attraverso il processo di autorizzazione per i prodotti del tabacco a rischio modificato - aggiunge Mitch Zeller, J.D., Direttore del Centro per i Prodotti del Tabacco della Food and Drug Administration - la FDA desidera assicurarsi che l’informazione diretta ai Consumatori circa il ridotto rischio o la ridotta esposizione derivanti dall’utilizzo di un prodotto del tabacco sia comprensibile e supportata da evidenze scientifiche. I dati sottoposti dall’Azienda dimostrano che commercializzare questi particolari prodotti con le informazioni autorizzate potrebbe aiutare i fumatori adulti dipendenti a lasciare le tradizionali sigarette e a ridurre la loro esposizione alle sostanze dannose, ma solo se il passaggio avviene in modo completo. La FDA monitorerà come IQOS viene utilizzato dai Consumatori per determinare se questi prodotti manifesteranno il loro potenziale e non causeranno un incremento nell’utilizzo tra i giovani. É importante sottolineare che questi prodotti non sono privi di rischio, quindi le persone, specialmente i giovani, che non utilizzano prodotti del tabacco non dovrebbero iniziare a utilizzare né questi prodotti né altri prodotti del tabacco.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nicoletta Mantovani sposa il suo Alberto: "Matrimonio a Bologna, in una chiesa speciale per me"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, aumento contagi: +41, a Bologna 12

  • Schianto in tangenziale tra camion e auto: morto vigile del fuoco

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Coronavirus, direttore Microbiologia Sant'Orsola: "Virus muta, autunno incerto"

  • Incidente stradale, esce di strada e si schianta contro la recinzione: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento