Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia

Ipotesi isole covid-free, Bonaccini: "No a località turistiche privilegiate"

Bonaccini segue la linea dell'assessore regionale alò turismo, Andrea Corsini. No anche dalla presidente dell'Assemblea legislativa, Petitti

Bonaccini e Petitti

Lo aveva detto l'assessore al turismo Andrea Corsini e lo ribadisce il presidente dell'Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. "Mi auguro che il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, rigetti immediatamente la proposta di isole covid free", ovvero zone franche che, grazie alle vaccinazioni, vedrebbero salvata la stagione estiva, mutuando il piano adottato in alcune isole greche. 

"Mi auguro che il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, rigetti immediatamente la proposta - continua Bonaccini - non possono esserci località turistiche privilegiate a discapito di altre". Piuttosto, "il Governo si dia da fare perchè arrivino più dosi possibili per vaccinare nel più breve tempo possibile e lavori per il passaporto vaccinale, con regole uguali per tutti a livello europeo".

Si tratterebbe quindi di arrivare all'immunizzazione delle isole minori, anche se chiedono di rientrare anche i governatori di Sicilia e Sardegna. 

In disaccordo anche la dem Emma Petitti, presidente dell'Assemblea legislativa: "La lotta alla diffusione del virus deve rientrare in un'operazione di contrasto di respiro nazionale, che garantisca a ogni territorio equità e pari opportunità, senza avvantaggiare l'uno a discapito di un altro. La campagna vaccinale sta procedendo a pieno ritmo. Certo, se avessimo tutte le dosi che ci spettano, potrebbe accelerare ancora di più. Ma comunque deve andare avanti con regolarità, secondo le linee già tracciate: prima i più anziani e le persone più vulnerabili - si legge nella nota - Non ci possono essere corsie preferenziali, anche perché, come sappiamo, tutto ciò, a cascata, si riflette negativamente su qualcun altro, generando disordine e storture. La procedura deve essere uguale per tutti. Solo così possiamo assicurare una reale ripresa della nostra economia e dell'industria turistica in tempi rapidi e all'insegna di una logica comunitaria, che rigetti meccanismi di campanilismo su un tema così rilevante come quello dell'intreccio tra piano vaccinale e turismo. Bisogna guardare oltre al proprio steccato e pensare a una ripartenza collettiva, senza scorciatoie. Come abbiamo più volte ripetuto, la pandemia la si sconfigge solo lavorando insieme. Così possiamo davvero rimettere in moto l'economia e farci trovare pronti per l'estate. Quello su cui serve concentrarsi ora è aumentare il numero di vaccini giornalieri" conclude la presidente. 

La Regione pungola il Governo. Corsini: "Subito più aiuti per turismo, commercio e ristorazione"

Viaggi. All'estero sì, in Italia no: "Un corto circuito legislativo. Più a rischio le città che mare e montagna"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ipotesi isole covid-free, Bonaccini: "No a località turistiche privilegiate"

BolognaToday è in caricamento