Economia Fiera

Lienapelle snobba Bolognafiere, albergatori tremano: 'Peggio della perdita del Motorshow'

Così Federalberghi, dove serpeggia grossa preoccupazione: "Ricadute negative sui bilanci già magri di tutto il comparto, non solo ricettivo ma anche ristorativo e del commercio"

Il nostro polo fieristico pare perdere sempre più appeal. Dopo il Motor Show (poi per fortuna rientrato) anche Lienapelle è in procinto di dire addio alla Fiera di Bologna, per l'Expo di Milano. Il presidente del quartiere espositivo, Duccio Campagnoli "sta facendo degli approfondimenti", secondo quanto spiegato oggi dal sindaco Virginio Merola. 

Intanto la notizia dello scippo della kermesse a favore del capoluogo meneghino ha fatto tremare l'associazione degli albergatori felsinei. "E' una pessima notizia", dice Giovanni Trombetti, Vice Presidente Vicario di Federalberghi, ricordando "in tutti questi anni era più volte suonato il campanello di allarme ed il rischio era stato annunciato. Gli organizzatori avevano in passato lamentato una sorta di assenza della città che invece ha saputo lavorare in rete e creare maggiore accoglienza alla manifestazione, attraverso una serie di eventi “off” di grande successo. Spiace quindi constatare che tutti questi forzi, uniti a quelli di Bolognafiere, siano stati però insufficienti".

In un momento di difficoltà e di crisi, la perdita di Lineapelle sarebbe, per gli albergatori, per il tessuto economico del nostro territorio, "più grave di quanto avvenuto con la mancata edizione 2013 del Motor Show".  Si verrebbe infatti a "crere dei vuoti nel calendario degli eventi del territorio incolmabili con ricadute negative sui bilanci già magri di tutto il comparto non solo ricettivo ma anche ristorativo e del commercio", ammette con preoccupazione Trombetti.

Secondo gli albergatori bolognesi, ci sarebbe bisogno di maggiore coesione, determinazione e difesa delle fiere e degli eventi bolognesi da parte di tutti, sia delle Istituzioni pubbliche che di quelle private. "Se ci fosse ancora una sola possibilità, giochiamocela fino in fondo - chiedono, sottolineando - è chiaro che nel settore fieristico sia in atto una guerra senza esclusione di colpi ed in particolare una “aggressione” di Milano nei confronti delle manifestazioni che si svolgono nelle altre città. Occorre difendersi da questo e gli albergatori bolognesi sono pronti a fare la loro parte."

                             

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lienapelle snobba Bolognafiere, albergatori tremano: 'Peggio della perdita del Motorshow'

BolognaToday è in caricamento