Chiesto il fallimento per Seci (Gruppo Industriale Maccaferri)

Patrimonio netto negativo di oltre 65 milioni al 31 gennaio 2018

Chiesto il fallimento di Seci, società di riferimento del Gruppo Maccaferri, il gruppo indistriale attivo da più di un secolo, quando, nel 1879, mosse i suoi primi passi. L'azienda, come riporta Ansa, era stata ammessa dalla sezione fallimentare del tribunale al concordato preventivo e aveva chiesto una proroga per presentare una proposta e un piano concordatario. La proroga era stata concessa, con termine ultimo per la consegna il 3 gennaio, data a cui non sono arrivati documenti.

Per la Procura di Bologna dalla situazione patrimoniale rilevabile dagli ultimi tre bilanci emerge uno stato di insolvenza irreprensibile e, come documentato dagli accertamenti della Guardia di Finanza di Bologna, un grave stato di dissesto patrimoniale e finanziario, con un patrimonio netto negativo di oltre 65 milioni al 31 gennaio 2018. E' fissata un'udienza per il 3 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 7 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus, mascherine gratuite: ecco come sarà la distribuzione in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, la Regione Emilia-Romagna dà tre milioni di mascherine gratis a tutti i cittadini

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus, la madonna di San Luca uscirà per benedire Bologna, pianura e montagna

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

Torna su
BolognaToday è in caricamento