menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendita Magneti Marelli. Lavoratori in ansia: "Manterranno i siti produttivi italiani e i livelli di occupazione?"

C'è preoccupazione tra i lavoratori, desiderosi di capire "se le dichiarazioni della nuova proprietà si concretizzeranno e se manterranno i siti produttivi italiani e i livelli di occupazione"

La Magneti Marelli venduta alla giapponese Calsonic Kansei per sei miliardi di euro attraverso un accordo raggiunto fra Fca e il fondo americano KKR qualche giorno fa: quale sarà il destino dei lavoratori degli stabilimenti di Bologna e di Crevalcore? L'interrogativo c'è ed è di notevoli dimensioni per tutti i 1.300 dipendenti occupati nel territorio felsineo (374 a Crevalcore e circa 900 a Bologna). 

«L'incertezza crea preoccupazione e noi lavoratori non sappiamo cosa succederà davvero - spiega Daria Marrucci, dipendente allo stabilimento di Bologna - vedremo se le dichiarazioni della nuova proprietà si concretizzeranno realmente e se come annunciato manterranno i siti produttivi italiani e i livelli di occupazione. Da un punto di vista dei diritti speriamo di poter rientrare nel contratto nazionale e non essere più i metalmeccanici con gli stipendi più bassi d'Italia. Ci siamo fusi con un'azienda che pare essere complementare alla nostre linee di business e questo ci fa ben sperare che sull'effettivo interesse, anche se c'è il rischio che possano prendere i nostri brevetti (di legittima proprietà den nuovo proprietario ndr) e portarli altrove...».

Stabilimenti a Bologna e Crevalcore: da tempo si parlava di una possibile vendita

Mentre lo stabilimento di Crevalcore è produttivo infatti, nella sede bolognese dell'azienda si fa ricerca e sviluppo e si lavora a brevetti e prototipi (180 gli operai e gli altri oltre 700 impiegati e ingegneri): «Qui a Bologna fra i vari progetti lavoriamo a quello sul motore elettrico, che va nella direzione della mobilità sostenibile del futuro. E siamo gli unici in Italia».

Mimmo Lisi, delegato Fiom: «Auspichiamo che le voci che circolano possano trovare conferma - spiega il sindacalista riferendosi ai rapporti non proprio idilliaci intercorsi dal 2012 ad oggi fra azienda e lavoratori e di un possibile miglioramento delle condizioni con il passaggio di proprietà -  c'è un certo ottimismo perchè in fin dei conti adesso abbiamo il peggior contratto che si possa avere sia dal punto di vista della turnazione che degli stipendi». Il prossimo 29 ottobre è fissato un incontro a Milano alla Magneti Marelli, mentre il 30 di questo stesso mese ci sarà un tavolo al Ministero. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento