menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazzola, niente mercato questo weekend: Confesercenti prepara la protesta

"Comune ha disatteso impegni e recuperi non convincono i commercianti"

Anche l'Anva-Confesercenti prepara la protesta nei confronti del Comune di Bologna, che non ha mantenuto gli "impegni" presi per spostare il mercato della Piazzola del prossimo fine settimana da piazza VIII Agosto (che ospitera' il Villaggio Coldiretti) alla 'T'. L'associazione di categoria si tiene a distanza dai proclami piu' bellicosi lanciati ieri dagli ambulanti che hanno protestato in Comune, ma comunque "cercheremo di trovare un modo per manifestare che questa e' una situazione di disagio", spiega alla 'Dire' Manuela Pizzirani. Ieri l'assessore al Commercio, Alberto Aitini, ha incontrato l'Anva e la Fiva-Confcommercio. Altre sigle erano state invitate ma non hanno partecipato. "E' stato confermato che purtroppo sia venerdi' che sabato- riferisce Pizzirani- non sara' possibile andare nella 'T', come invece ci era stato promesso, per il diniego della Soprintendenza e della Prefettura". In Comune, in particolare, si parla di uno stop dei Vigili del fuoco.

"E' stato presentato un programma di recuperi- continua la funzionaria dell'Anva- ma gli operatori avevano gia' espresso che recuperare di domenica non sembra loro la cosa piu' adeguata". Lo schema, infatti, prevede una domenica a fine ottobre e una a novembre, con l'aggiunta di "altre iniziative che verrebbero programmate in primavera- spiega Pizzirani- nella 'T'". E' l'aspetto piu' positivo, per l'Anva, perche' "la cosa interessante era dare visibilita' agli operatori del commercio su aree pubbliche in un modo un po' alternativo rispetto alla Piazzola". Nella prossima primavera, evidentemente, c'e' ragione di credere che le autorizzazioni per utilizzare la 'T' possano essere concesse. Pizzirani, pero', non e' molto ottimista. 

"Abbiamo cercato di trovare una soluzione con l'amministrazione", sottolinea la funzionaria: "Adesso dovremo vedere chi aderisce. Abbiamo sentito gli operatori e non erano molto soddisfatti". Del resto, "e' ovvio che l'ambulante vede la prima cosa che salta all'occhio: che venerdi' e sabato non lavora. Tra l'altro- ricorda Pizzirani- usciamo da una stagione che non e' stata favorevole", anche per il maltempo, in piu' "c'e' stato gia' l'utilizzo della piazza in altre circostanze e gli ambulanti hanno gia' perso delle giornate. E il fatto di aver promesso la 'T' senza che poi la cosa si concretizzasse ha incrementato il disagio".

Gli operatori "perderanno incassi che non sono da sottovalutare e cio'- aggiunge la rappresentante dell'Anva- a fronte di un'altra associazione che comunque presenta un'iniziativa commerciale", cioe' il Villaggio Coldiretti, in buona parte gia' allestito. "Gli operatori hanno delle concessioni in mano, capisco che il Comune possa decidere come usare la piazza pero' ci vuole un po' di rispetto anche per chi rappresenta delle imprese", attacca Pizzirani, definendo "molto discutibile" l'operato del Comune. Ieri, intanto, gli ambulanti presenti in Comune hanno minacciato proteste anche radicali. "Non dico che faremo quello che hanno comunicato le persone in Comune, che non sono appartenenti alla nostra associazione e credo neanche all'altra- afferma Pizzirani- pero' cercheremo di trovare un modo per manifestare". Esclusa in particolare, per l'Anva, l'idea di disturbare il Villaggio Coldiretti: "Non credo sarebbe una situazione positiva, se poi arrivano le forze dell'ordine diventa difficile e noi dobbiamo comunque mantenere un dialogo costruttivo", conclude Pizzirani. (Pam/ Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento