Mes, "2 miliardi da investire nella sanità": Emilia-Romagna prima regione a deliberare

Votato l’ordine del giorno, a prima firma del consigliere regionale Pd Andrea Costa, collegato all'Assestamento di Bilancio. Un appello affinché l’Italia non rinunci ai 36 miliardi dell’Europa

Votato ieri, 28 luglio, l’ordine del giorno, a prima firma del consigliere regionale Pd Andrea Costa, collegato all’Assestamento di Bilancio. Dall’Emilia-Romagna, prima a deliberare sull’argomento, arriva, un appello affinché l’Italia non rinunci a 36 miliardi dell’Europa, in altre parole al Mes.

“Con la pandemia è apparso chiaro a tutti il valore assoluto di un servizio sanitario pubblico, universale, all’altezza delle sfide. In Emilia-Romagna il sistema ha retto, nonostante qui il virus abbia colpito con violenza estrema. Ma proprio perché questa Regione, con tutte le sue persone, è da sempre in tensione verso l’orizzonte del miglioramento, vogliamo vivere l’eccellenza non come un approdo ma piuttosto come un trampolino verso riforme che possano spingerci a rispondere positivamente alle nuove e future esigenze - continua Costa -. Cosa fare con quelle risorse? Puntare su una sanità di prossimità accessibile a tutti, potenziare gli ambulatori dei medici di medicina generale creando vere e proprie équipe territoriali, investendo nell’informatica per collegare meglio ospedali e rete del territorio, rafforzare la dotazione strumentale dei nostri ospedali. La strada davanti a noi è chiara e vorremmo sottrarre le valutazioni sull’opportunità di utilizzare oppure no il MES al dibattito volutamente ideologico, agganciandolo piuttosto alla sua reale efficacia delineando con grande senso pratico quali nuove opportunità garantirebbe per i cittadini emiliano-romagnoli. In questo c’è una responsabilità collettiva: tocca ad ogni rappresentante delle Istituzioni diffondere giusta informazione su questo argomento e spiegare correttamente ai cittadini cosa si potrà fare per la cura delle persone con quelle persone e cosa non si potrà fare rinunciandovi”.

A rafforzare questa posizione è la Capogruppo Pd in Consiglio regionale, Marcella Zappaterra. “Con il MES l’Italia avrebbe a disposizione 36 miliardi di euro a tasso 0. Una condizione che non si è mai realizzata e mai si realizzerebbe in altro modo e in un altro contesto. Tutte risorse da spendere per rafforzare il nostro sistema sanitario, dare migliori servizi ai cittadini, farli sentire più sicuri. Per l’Emilia-Romagna si stimano risorse per 2-3 miliardi: sappiamo come spenderli. Siamo convinti che vadano investiti per la sanità di prossimità, per rendere più fruibili prestazioni e servizi vicino a chi ne ha bisogno, per qualificare e aumentare il personale”.

Mes, cos'è

Il Mes - Meccanismo europeo di stabilità, o fondo salva-stati, è un'istituzione che ha come obiettivo l'aiuto ai paesi in difficoltà, in questo caso l'Italia post-emergenza covid. In altre parole, si mette in comune il denaro dei paesi membri per poi prestalo in maniera proporzionale. 

Naturalmente la nazione che ne beneficia deve accettare un piando di riforme. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

Torna su
BolognaToday è in caricamento