Economia

'Il Motor Show rimanga a Bologna': spiragli dall'incontro con il Ministro Zanonato

Regione, provincia, fiera e comune per chiarire la faccenda Motor Show. Il Ministro: 'Le manifestazioni importanti con un riconoscimento internazionale andranno sostenute'. Per rilanciare l'evento, nuovi esperti a BolognaFiere

Il Motor Show deve rimanere a Bologna. A una settimana dall'annuncio di Alfredo Cazzola, ex patron Motor Show, di un salone a Milano nel dicembre 2014, un incontro con il ministro dello sviluppo economico Flavio Zanonato. Ha ricevuto l'assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli, Virginio Merola, la presidente della Provincia Beatrice Draghetti e il presidente di Bologna Fiere Dubbio Campagnoli che hanno ribadito al Ministro ''l'esigenza di rafforzare, in un quadro di sinergie integrate, la vocazione regionale delle manifestazioni fieristiche che per l'Emilia Romagna non possono che valorizzare l'economia dei territori e la qualità delle produzioni come quelle presenti sulla via Emilia'', a cominciare, appunto, dai motori.

Anche il punto su problemi e opportunità che riguardano lo sviluppo del sistema fieristico nazionale e, in quest'ambito, di quello emiliano. Zanonato ha sostenuto che il sistema fieristico nazionale deve trovare la forza per confrontarsi a livello internazionale e guardare alla competizione in chiave europea e mondiale. In particolare, ha osservato anche che occorre varare strategie integrate per quanto attiene lo svolgimento di saloni tematici nazionali ed internazionali. ''In questo quadro - ha detto - le manifestazioni importanti con un riconoscimento internazionale andranno sostenute''.

"Il ministro Zanonato ha ribadito l'importanza delle regole di comportamento per lo svolgimento dell'attività fieristica nell'ambito del calendario fieristico nazionale e il diritto di Motor Show Bologna di essere riconosciuto come l'unico salone internazionale dell'auto inserito nel calendario fieristico nazionale'', ha riferito Campagnoli ''BolognaFiere in tale attenzione del Ministro e del Governo e nell'impegno comune che prosegue con la Regione, la Provincia e il Comune di Bologna, e per il quale BolognaFiere ringrazia fortemente e di nuovo il Sindaco Merola, la Presidente Draghetti e l'Assessore Muzzarelli, oggi direttamente impegnati nell'incontro con il Ministro, trova ora conferma e ulteriore sostegno alla volontà di portare avanti assieme alle Istituzioni l'iniziativa per un nuovo progetto di Motor Show che mette a disposizione del Paese la passione, le competenze e l'impegno della Motor Valley italiana. BolognaFiere è quindi impegnata a portare avanti il proprio dialogo con Gl Events''.

BolognaFiere ha anche preso due nuovi collaboratori per lavorare sul settore: si tratta di Loris Casadei, per anni manager di case automobilistiche ed ex presidente Unrae, e Renzo Servadei, direttore di Autopromotec.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Il Motor Show rimanga a Bologna': spiragli dall'incontro con il Ministro Zanonato
BolognaToday è in caricamento