Martedì, 22 Giugno 2021
Economia Via di Corticella

Newlat (ex Pastificio Corticella), lavoratori in presidio a battere cassa: "Si rispettino gli impegni"

I 27 ex lavoratori davanti alla sede aziendale, ormai chiusa. Flai-cgil: "La proprietà si era impegnata affinchè al termine degli ammortizzatori a ciascun lavoratore venisse riconosciuta la somma di 10mila euro come risarcimento danni per la perdita dell'impiego"

I 27 ex lavoratori della Newlat di Bologna (che ha acquisito lo storico Pastificio Corticella) stretti in presidio oggi davanti alla sede, ormai chiusa, dell'azienda. Obiettivo del picchetto, "il rispetto degli impegni presi dalla società".

La proprietà, infatti, spiega in una nota  Flai-Cgil Bologna, si era impegnata a far sì che, al termine degli ammortizzatori sociali in deroga, venisse riconosciuto a ciascun lavoratore la somma di 10mila euro in qualità di risarcimento danni per la perdita dell'impiego.

“A fine agosto di quest'anno – dettaglia il segretario del sindacato, Vincenzo Grimaldi – la cassa in deroga non è più stata rinnovata. E da allora l'azienda continuava a tergiversare persino sulla fissazione di un incontro. La lotta paga: al termine del presidio di oggi, abbiamo ottenuto la data per il tavolo".

I rappresentanti della Flai-Cgil Bologna ed Emilia-Romagna incontreranno la direzione aziendale martedì prossimo, 23 settembre, nella sede di Unindustria Bologna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Newlat (ex Pastificio Corticella), lavoratori in presidio a battere cassa: "Si rispettino gli impegni"

BolognaToday è in caricamento