rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Offerte di lavoro

Lavoro welfare familiare, Umana avvia una ricerca per il reclutamento di oltre 350 figure

“In un anno le richieste aumentate del 60%”. Così Umana cerca badanti, assistenti alla famiglia ecc., prevalentemente in Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria e Toscana

Assistenti agli anziani, assistenti alla famiglia, operatori per persone non autosufficienti, per soggetti con difficoltà, colf e accompagnatori. Non solo badanti, ma operatori per la cura della persona. Figure complesse in grado di gestire situazioni di disagio fisico e psicologico, sia convivendo con l’assistito sia supportandolo in alcune parti della giornata. La crescita dell’Area specialistica Servizi alla Persona dell'agenzia per il lavoro "Umana", anche  attivando collaborazioni con Asl, Comuni e Inps, ha registrato negli ultimi 12 mesi  un aumento del 58% di richieste da tutta Italia.

In queste settimane Umana ha così attivato la ricerca per la selezione di "oltre 350 profili welfare familiare in tutta Italia, le aree di ricerca prevalenti sono Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria e Toscana".  (Maggiori info sul sito web umana.it)

L CONTESTO. È la demografia a dare "il segno di una trasformazione radicale del welfare familiare". Secondo l’ultimo rapporto dell’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’Italia è il Paese “più vecchio” in Europa con il 21,4% dei cittadini over 65 e il 6,4% over 80, e il secondo al mondo preceduto solo dal Giappone, nel quale una famiglia su 10 ha al suo interno un componente in difficoltà. Il Censis ha stimato nel 2014 in 4,1 milioni le persone in Italia portatrici di disabilità, prevedendo che nel 2020 raggiungeranno i 4,8 milioni. Inoltre il nostro è il Paese Ocse con la più elevata percentuale di familiari che prestano assistenza a persone anziane o disabili in modo continuativo (16,2% della popolazione) all'interno del loro nucleo.
 
"In questo contesto, l’assistenza privata è diventata un modello consolidato e oramai indispensabile di welfare familiare. Tuttavia, ancora troppo spesso il reclutamento viene lasciato all’improvvisazione e all’informalità", dicono dall'agenzia di lavoro.
 “Legalità, selezione, formazione verificata e certificata, e costante attenzione al feedback del cliente per tutta la durata del servizio, che deve essere continuativo: questo è il modello da seguire. Umana – spiega Maria Raffaella Caprioglio, presidente di Umana, Agenzia per il Lavoro – non fornisce solo badanti, ma personale qualificato seguendo proprio i nuovi modelli di welfare che mirano a superare i concetti di residenzialità dell’assistenza e puntano su una maggiore domiciliarità. I nostri operatori sono prevalentemente donne e, elemento di novità per un mercato tradizionalmente orientato al reclutamento di personale proveniente da altri Paesi, oggi il 40% è di nazionalità italiana. Negli ultimi mesi stiamo formando anche assistenti uomini che rappresentano ancora una piccola componente della nostra forza, ma significativa rispetto alle richieste di molte famiglie”.
 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro welfare familiare, Umana avvia una ricerca per il reclutamento di oltre 350 figure

BolognaToday è in caricamento