Philip Morris a Crespellano, lavori verso la fine e Intertaba spa cambia nome

Oltre alla storica fabbrica di filtri per sigaretta di Zola Predosa, la nuova ragione sociale comprenderà il sito produttivo da oltre 70.000 metri quadrati in costruzione, che insieme allo stabilimento pilota prevede un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro

cerimonia posa della prima pietra a Crespellano

Mentre proseguono i lavori per il nuovo stabilimento a Crespellano, è effettivo il cambio di nome per Intertaba spa, l'affiliata bolognese del gruppo Philip Morris International che dal primo ottobre assume il nome "Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna spa". Oltre alla storica fabbrica di filtri per sigaretta, attiva a Zola Predosa dal 1963, la nuova ragione sociale comprenderà il nuovo sito produttivo da oltre 70.000 metri quadrati attualmente in costruzione a Crespellano, che insieme allo stabilimento pilota (Training Center) prevede un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro.

I nuovi impianti produttivi Pmi sono i primi al mondo dedicati alla produzione degli stick di tabacco basati sul riscaldamento anzichè sulla combustione. "Questa modifica non comporta cambiamenti alla nostra struttura societaria- ha commentato Mauro Sirani Fornasini, amministratore delegato dell'azienda bolognese. "Si tratta però di un passo in avanti per noi molto importante, che evidenzia i tratti specifici della nostra identità: l'appartenenza al gruppo Philip Morris International (Pmi); il nostro focus sulla produzione e sullo sviluppo di tecnologie produttive innovative; il nostro legame con il territorio bolognese".

Procedono intanto i lavori di costruzione dello stabilimento produttivo di Crespellano: a dodici mesi dall'avvio del cantiere, la collaborazione di 200 imprese e il lavoro su base quotidiana di oltre 400 persone stanno permettendo all'azienda di seguire i piani per la costruzione. Oltre il 90% delle imprese selezionate proviene dal territorio Italiano. Gli edifici destinati alla produzione sono ormai in fase di rifinitura, con circa il 90% dei macchinari previsti per il 2015 già installati e in fase di qualifica. L'edificio amministrativo che conterrà uffici, ristorante aziendale, palestra per il personale e sale conferenze, sarà ultimato entro l'estate del 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

  • Sblocco licenziamenti e stop Cig, i sindacati: "Proroghe necessarie, ma servono riforme. Sarà un 2021 molto complicato"

Torna su
BolognaToday è in caricamento